basimestruchime
1 Gennaio 1916

Commenti pubblicati:
Mercoledì 10 Ottobre 2018, 19:20
Tutta la mia solidarieta' a Judith, perche' e' giovane, perche' e' donna e perche' e' veneziana quanto la Pellegrini. Su cio' che asserisce metto la buona fede, allo stesso tempo evidenzio che comunque i ristoratori veneziani lavorano da decenni con stranieri di tutto il mondo, e tutto il mondo viene a mangiare a Venezia. Per quanto attiene il famoso cuoco stellato, poteva pure fare il colloquio evitando di pubblicizzarlo, sarebbe apparso meno sospetto il suo interessamento.
Domenica 30 Settembre 2018, 12:38
Non puo' esser colpa dei veneziani se molti turisti sembrano colti da improvvisa amnesia delle buone maniere, del buon senso e dell'educazione, non appena posano piede a Piazzale Roma. Questa e' semplicemente mancanza di cultura. Siamo in presenza dei cintura nera d'ignoranza. Esseri ripiegati su uno schermo da tre pollici e mezzo, che vivono per immortalare le loro prodezze figlie di una crisi di erostratismo confuso per eroismo. Il furore pantoclastico che coglie alcuni, nasce sempre dall'analfabetismo civico. Possiamo pur dire che alcuni veneziani non fanno onore alla propria citta', ma asserire che tutti i veneziani sono responsabili della demenza altrui (sia essa nostrana o foresta), sinceramente appare sbrigativo, qualunquista e pilatesco, proprio dei commenti un tanto al chilo.
Lunedì 30 Luglio 2018, 16:50
Consiglio pret a porter: sospendi ea' bibita e metite all'ombra col giasso in fronte.
Mercoledì 11 Luglio 2018, 15:57
Gentile Giovanni, a lei non la si fa, e quando ha ragione bisogna riconoscerlo, infatti nel momento del bisogno come ci illumina lei il popolo ha prodotto personaggini di un certo spessore, tipo: Vladimir Lenin, Iosif Stalin, Adolf Hitler, Benito Mussolini, Pol Pot, Fidel Castro, Francisco Franco, Mao, Pinoquet, tutti strenui difensori del popolo e della nazione. Per fortuna Salvini non e' paragonabile.
Lunedì 9 Luglio 2018, 15:01
Quando a vincere alle olimpiadi era la Vaccaroni o la Pellegrini tutto bene, se a vincere e' Bebe iniziano a spazientirsi, cosa e' successo, cosa e' cambiato ?
Domenica 8 Luglio 2018, 08:46
Concorso esterno in associazione di tipo mafioso, questo e' il giusto capo d'imputazione, che a dirla tutta mi sembra abbastanza intuitivo da concepire. Come se un sicario russo fosse ingaggiato da i narcos di Medellin per accompagnare qualcuno a miglior vita. Quel sicario, pur pagato dai trafficanti, non diventa un narcos, ma e' del tutto evidente la sua collaborazione con l'associazione di malviventi.
Lunedì 2 Luglio 2018, 09:37
La risposta gia' la conosci: "I SCHEI", troppi interessi personali(di poche persone), mentre per assurdo lo Stato spende piu' per riparare i danni derivati direttamente e indirettamente (cura di malattie alcool-derivate) di quanto incassi da diritti e tasse sulla vendita degli alcoolici.
Lunedì 2 Luglio 2018, 09:25
Certamente anche 20 litri d'acqua possono ammazzare, il punto pero' e' che difficilmente trovi qualcuno che deliberatamente beva tutta quell'acqua, mentre per l'alcool entra in gioco la dipendenza che artificiosamente aumenta il desiderio, e l'ebrezza che fa svanire le tue capacita' di intendere e di volere, ragione prima per cui si continua a bere oltre l'opportuno.
Martedì 19 Giugno 2018, 12:37
I meio tramexini ti i magnavi da a Carla in Corte Contarina drio a Fresseria, come gera boni quei del Clodia in Calle de le Rasse. Per la cronaca si mangiavano piu' di cinquanta anni fa, forse il signore ha inventato la macchina per affettare? ma per il traezzino mi sa che il nome e' certamente frutto della vivace mente d'annunziana, la creazione cullinaria credo invece rimanga un figlio adespoto.
Martedì 12 Giugno 2018, 12:39
Ottimo commento, asciutto e dritto al punto, non senza un filino di cinismo (da non confondere con la cattiveria). Mi riconosco nella forma come nella sostanza. Credo sia, questa sua sintetica esegesi del fatto, l'unica genuina chiosa trasudante venezianita', e mi chiedo :"siamo solo due, i veneziani di questo commentario?"
Martedì 12 Giugno 2018, 12:25
Viva Bebe, viva la vita. Non e' mai troppa la sovraesposizione di chi fa del bene, e questo e' il caso. Per la reclame devo dire che non mi disturba piu' di qualunque altra reclame fatta con altri interpreti, anzi ad esser sincero a veder certi figli ti papa' pubblicizzare tonno in scatola, carne in scatola o sottaceti vari, un velato fastidio misto invidia lo provo. Per Bebe no, solo simpatia, trasporto e gratitudine. Ci vogliono molte piu' Bebe, entusiaste della vita e luminose come stelle d'un cielo australe. Esempio di sportivita', vederla vivere non e' meno emozionante del dolce fiorire d'un giardino a primavera. Ecco, per me Bebe e' la primavera che dura quattro stagioni. Siete madri, siete padri, amatela come sapete fare solo voi.
Venerdì 1 Giugno 2018, 09:29
Quella chiesetta e' il luogo dell'ultimo saluto per tanti nostri fratelli veneziani, pezzi di vita intensa, di quelli che rimangono nel cuore. Da li ci siamo accomiatati, da li abbiamo ricevuto risposte a preghiere, da li abbiamo ricevuto conforto. Quel luogo merita rispetto, quel luogo e' parte della nostra vita.
Martedì 29 Maggio 2018, 22:06
La piu' grande tangente d'Europa occupa due righe sul nostro giornale locale, manco negli scandali valiano qualcosa. Andando invece nel merito etico del reato, questo e' una valanga che ne porta con sé molti altri. Quando ci sono tangenti, ci sono opere malfatte, opere che mettono in pericolo la vita dei cittadini, alcune volte uccidono, altre mutilano. Oppure le opere sono strapagate, funzionano ma per finanziarle si son tolti soldi alla ricerca o alla sanita', e per questo magari un pronto soccorso e' stato chiuso e una persona muore perche' non riceve in tempo cure adeguate. La corruzione e' uno tra i reati piu' gravi, e' un reato perpetrato consapevolmente, con cupidigia e cinismo, percio' non e' meritevole di patteggiamento.
Martedì 29 Maggio 2018, 21:43
Caro cronista, quel "piuttosto che", usato al posto di "oppure", non si puo' leggere.
Venerdì 18 Maggio 2018, 09:10
Consiglio, alla gentile signora romana, di evitare Venezia in toto, non vorrei che il suo cervello rischiasse l'ernia. Opti piuttosto per qualche meta piu' "a' la page" e conforme i suoi gusti, tipo centro commerciale neorinascimentale o outlet gotico spinto.
Martedì 15 Maggio 2018, 16:40
Perche' ve la prendete con la categoria dei taxisti? Lo sapete che sono protetti come i panda? Infatti, fermativi per un solo attimo ad osservare con attenzione qualche esemplare, noterete che non appena si tolgono quegli occhiale da sole inutilmente costosi, si paleseranno inattese, due meravigliose aureole candide attorno ai bulbi oculari, in netto contrasto con l'abbronzatura perenne del viso, un effetto blues brothers post caduta di faccia in pozzanghera e che tanto ricorda i simpatici ursidi ghiotti di bambu' e icone del WWF.
Martedì 15 Maggio 2018, 16:22
I limiti di velocita' in laguna sono calibrati in base all'onda media che si puo' provocare e il conseguente impatto di quest'ultima sull'ambiente e sulle fondamenta delle case o delle rive. Venezia e' unica come la sua laguna, se hai fretta vai a piedi. Venezia non si adegua ai ritmi frenetici e sincopatici di un'umanita' persa nell'inseguimento dell'ultimo autoscatto da pubblicare sulla piazza virtuale piu' frequentata. Venezia fa adeguare gli umani a lei, costringendoli a rientrare nei ritmi propri del vivere a passo d'uomo.
Martedì 15 Maggio 2018, 16:07
E ora andiamo a controllare tutti i mezzi dell'ACTV, tutti i natanti granturismo, tutti i taxi, tutti i barchini dei gondolieri e tutte le barche da diporto che passano davanti "al bacan" pensando di essere alla Pavia - Venezia e alzando onde che fanno imbarcare acqua alla mia modestissima sanpierota (si, c'e' qualcosa di personale in questo mio commento).
Martedì 8 Maggio 2018, 22:44
Scusi illuminato Anonimo veneziano, ma qui l'unico ad aver precedenti penali e' compagno picchiatore, a meno che lei non consideri reato o cosa poco dignitosa, la malattia mentale o il disagio psicologico. Ergo, perche' usa il plurale "gente"?
Martedì 8 Maggio 2018, 22:34
I manicomi erano luoghi di detenzione per persone innocenti, esseri umani che dovevano essere nascosti. Erano figli, figlie , madri, padri, zie...di cui dimenticarsi. A San Clemente ne ho conosciuti molti, andavo lì per pescare e inevitabilmente facevo incontri meravigliosi. Persone pure, senza filtri, incapaci di fingere, libere nel pensiero ma vittime della contenzione di stato. Libera di pensare cio' che vuoi gentile Elise Francia o Spagna, ma ironizzare su una tragedia immane, su una sciagura orribile che solo l'uomo poteva concepire nel suo infinito cinismo, non e' cosa di cui andar fiera.
Martedì 1 Maggio 2018, 07:34
Un altro grande giudecchino se ne va, buon viaggio maestro.
Sabato 28 Aprile 2018, 18:25
Abbi pasiensa fantuin, ti ga' ragion, varda meo so' nota' sua carta del pesse, da doman scominsio a creser.
Sabato 28 Aprile 2018, 11:30
Ho ancora senno per ricordarmi a sufficienza che mia madre non mi faceva uscire se prima non ero andato al bagno. Ma non voglio convincerla e tanto meno educarla, ognuno offre gli argomenti che meglio crede per sostenere le proprie convinzioni, lei continui pure con l'aria fritta.
Venerdì 27 Aprile 2018, 22:16
Quando l'arroganza monta in scagno, o ea' fa spussa, o ea' fa dano.
Venerdì 27 Aprile 2018, 18:04
Pronti anche i cani da pastore per raggruppare i greggi. Le mangiatoie con fieno fresco le trovate all'ex macello, se invece cercate i maschi alfa per condurre commitive, venite da noi alla Giudecca che i personaggi non mancano.
Venerdì 27 Aprile 2018, 18:00
Gentile signora Schnauzer, lei ha perfettamente ragione a far benedire gli antichi maxegni di San Zaccheria con la miracolosa pioggia Pagliarini del suo cucciolo. Ora pero', si unisca al suo branco e segua il maschio alfa che gia' s'e' incamminato verso il World Soggetti Show
Venerdì 27 Aprile 2018, 17:23
Questa mamma e' un'arrogante genitrice che pretende di spacciare per ragionamento di buon senso, un'autentica sgarberia fatta alla citta'. Pretendere di far passare per lecito l'urinare per la pubblica via e' demenziale, giustificarlo paragonando la prole ai cani e' un insulto all'intelligenza.
Venerdì 27 Aprile 2018, 17:15
E questa percentuale statistica, gentile discovolante, dove l'ha scovata, sul sito della CNA di Mestre? Sull'annuario Delle deiezioni canine? Sula rivista cani, segugi e bau bau?
Venerdì 27 Aprile 2018, 17:10
Lei non ha ragione, io veneziano nativo non ho mai liberato i mie bisogni per strada, tanto meno i miei genitori mi hanno spinto a farlo, ho sempre provveduto ,come educazione richiede, a servirmi di toilette di bar che a Venezia non mancano. Così ho sempre fatto con le mie figlie e cosi' ho insegnato loro. Non so lei che educazione abbia ricevuto gentile Sasa, ma io so distinguere dove sta il vivere civile. Lei ha solo scritto una solenne corbelleria, rilegga il suo commento e se ne rendera' conto. Ha portato nuova acqua al mulino della maleducazione, che banalizza i comportamenti zotici per renderli leciti.
Venerdì 27 Aprile 2018, 07:33
Mi e' sempre piaciuta Bella Ciao, la imparai alle elementari, il maestro di musica ce la insegno' subito dopo Fratelli D'Italia e prima de Le glorie del nostro Leon, ricordo che mi immaginavo in montagna a combattere contro i cattivi. Bella Ciao la contavamo a scuola, alla colonia estiva o al patronato, mai nessuno ci guardo' storto o ebbe a lamentarsi. Bella Ciao raccoglie tutte le anime della resistenza, quella comunista, la socialista, la cattolica, la liberale e la monarchica-badogliana. Un canto affrancato dall'appartenenza politica, per questo il congresso DC, che elesse il partigiano Benigno Zaccagnini segretario di partito, si conclude con Bella Ciao. Questo e' un inno contro gli oppressori, un inno internazionale, adottato dai curdi e anche dai turchi, dagli ucraini anti Putin e anche dai filorussi. I sindaci che hanno voluto evidenziare la loro distanza da Bella Ciao, si sono allontanati non solo dai bambini, ma soprattutto dal ruolo rappresentativo di tutti i cittadini e non esclusivo del proprio elettorato, finendo cosi' per assomigliare paradossalmente a quei sindaci comunisti che negavano le foibe.