48

Commenti pubblicati:
Martedì 20 Novembre 2018, 15:36
Non è poi tanto strano trovarsi a tagliare tronchi, anche in aree scoscese e da soli, senza chiamare in causa possibili fatti delittuosi. Lo faccio anch'io, quando posso, e molti amici fanno lo stesso, senza rubare nulla e senza svolgere lavoro nero. Se poi vuole affermare che questo comportamento possa essere un po' imprudente, posso darLe ragione. Ma la mia catasta di legna sarebbe assai misera.
Giovedì 15 Novembre 2018, 13:46
Io vado un po' contro-corrente rispetto alla maggioranza dei commenti. Rammento il 1956, e il vento di entusiasmo che ravvivò Cortina, la cui fama da allora divenne mondiale. Non si tratta di investimenti sull'immediato, ma, se ben gestiti, sul lungo termine e sul territorio. Il rinnovo delle strutture, e penso ad esempio alla pista di Bob, con un reinserimento in un circuito europeo e mondiale della Specialità. Penso all'occasione per sbloccare finalmente una decisione sulla viabilità, penso alla possibile riattivazione dell'Aeroporto... Non sono un esperto di Turismo, e ormai vivo lontano, ma certamente Cortina non sarebbe stata né sarebbe quella che è, se non avesse avuto le Olimpiadi oltre 60 anni fa, e certamente il ritorno per la "Regina delle Dolomiti" e per il Veneto in questo periodo è stato quello di un eccellente investimento. Credo che ora il segreto stia nell'evitare spese improduttive (ad esempio quelle delle varie cerimonie) e indirizzare il budget a recuperi mirati dell'esistente e verso nuove realizzazioni destinate ad una effettiva utilizzazione nei decenni a venire, tenendo conto delle tendenze turistiche attuali.
Giovedì 15 Novembre 2018, 13:00
Anche ai tempi del Terremoto del Friuli si presentò il problema degli sciacalli. E questa fauna nociva venne rapidamente "estinta". Com'era giusto fosse.
Giovedì 15 Novembre 2018, 12:35
Anche ai tempi del Terremoto del Friuli si presentò il problema degli sciacalli. E questa fauna nociva venne rapidamente "estinta". Com'era giusto fosse.
Giovedì 15 Novembre 2018, 12:28
Comprendo bene le ragioni della richiesta di Volontari muniti di Patentino per la Motosega. Ma dubito che se ne presenteranno molti. Poiché invece sono numerosissimi quanti usano privatamente la motosega, una soluzione potrebbe essere l'assegnazione gratuita di piccoli lotti (Colonel), che ciascun assegnatario ripulirà a proprio vantaggio, rischio e pericolo, come si fa da tempi immemoprabili un po' dovunque nei nostri Comuni di Montagna.
Martedì 18 Settembre 2018, 16:21
L'atto è deplorevole. Ma certamente la loro condanna striderà di fronte a migliaia di altre assoluzioni regalate a clandestini che ne hanno fatte e continuano a farne ben di peggio. Speriamo venga il giorno in cui ciascuno, a prescindere da etnia e altri particolari, debba essere pienamente responsabile delle proprie azioni, e rispondere delle proprie bravate.
Martedì 11 Settembre 2018, 12:45
Sono davvero ammirevoli. Ma - chiedetelo a Loro - immagino che la fatica maggiore consista nell'osservare le mille regole, molte delle quali a dir poco assurde, imposte dalle istituzioni.
Martedì 11 Settembre 2018, 12:26
Sono davvero ammirevoli. Ma - chiedetelo a Loro - immagino che la fatica maggiore consista nell'osservare le mille regole, molte delle quali a dir poco assurde, imposte dalle istituzioni.
Martedì 11 Settembre 2018, 12:21
I reati per i quali si viene puniti attualmente? Semplice! L'amare la propria Famiglia e la propria Patria; osare dichiararsi etero-sessuale; non far uso di stupefacenti; esprimere dubbi su divorzio e aborto; chiudere a chiave la porta di casa e protestare se qualcuno, non invitato, viola il domicilio; pronunciare termini osceni quali "zingaro" e "clandestino"; non collaborare con chi non paga il biglietto del Bus nel pestaggio del Controllore/Autista... Non sono un leguleio, per cui accontentiamoci di citare questi reati, che fanno tanto male al cuore dei Magistrati, e fanno piangere i buonisti.
Domenica 9 Settembre 2018, 10:07
La tardona si rassegni: nessuna "notte magica"!
Venerdì 31 Agosto 2018, 10:47
DIAZIONISmartphone, la classifica di quelli che emettono più onde elettromagnetiche 30 Agosto 2018 aaa Smartphone, la classifica di quelli che emettono più onde elettromagnetiche Tra 20 anni, come fu a suo tempo, ci diranno con assoluta certezza che le onde elettromagnetiche dei cellulari provocano tumori al cervello. Lo faranno, probabilmente, quando avranno sviluppato modelli particolarmente schermati o chissà... Intanto ci teniamo il dubbio, con l'Organizzazione mondiale della Sanità che ha comunque inserito le radiazioni dei cellulari tra i "possibili cancerogeni". Ma i cellulari sono tutti uguali, da questo punto di vista? No. Fermo restando che l'Unione europea ha stabilito il limite massimo per ogni device di 2 watt per chilogrammo, le emissioni variano sensibilmente: il portate tedesco Statista ha pubblicato la classifica degli smartphone attualmente in commercio con i relativi valori SAR, che può essere definito come "tasso di assorbimento specifico". Valori che, peraltro, le aziende costruttrici sono obbligate a esporre sulle confezioni degli apparecchi e sui loro siti internet. Ai primi posti della classifica, cioè tra i modelli che emettono più radiazioni ce ne sono molti prodotti in cina, se pur con due significative eccezioni. Lo Xiaomi Mi A1 è in testa a tutti con 1,75 seguito dallo OnePlus 5T con 1,68 e da 5 modelli della Huawei. Ma al decimo posto, con 1,38, c'è l'Iphone7 e al dodicesimo (con 1,32) l'Iphone8. Tra i device che invece emettono meno radiazioni ci sono diversi Samsung Galaxy, alcuni Motorola, LG e ZTE. Tutti con valori SAR da 0,32 in giù. I più "virtuosi? Il Samsung Galaxy Note8 e lo ZTE Axon Elite con 0,17.
Martedì 28 Agosto 2018, 10:03
Anche per motivi professionali mi sono trovato più volte a dover prestare le mie cure ad imprudenti che, per esibizionismo o follia, si sono rapportati imprudentemente con qualche animale. Le riprese sarebbero state pregevoli comunque, anche senza carezze allo squalo.
Martedì 28 Agosto 2018, 09:43
A me risulta che il Cognome Rapisarda sia di origine Siciliana, non Cadorina.
Martedì 21 Agosto 2018, 12:28
Un emulo di Sigmund Freud. Il famoso fondatore della psicanalisi, in uno dei suoi trattati, tra le altre cose (ad esempio i dispetti che faceva alla guardiana di un condominio, sporcandole le scale), confessa candidamente un episodio in cui, attratto dal seno di una donna, non seppe resistere dal palparlo. E giustifica pure l'atto, sulla scorta delle propre teorie. Com'è poco democratico il mondo: uno è considerato genio, l'altro un animale. Ma la sostanza è la medesima.
Venerdì 17 Agosto 2018, 11:58
Mi pare che in Sardegna, isola ove la Pastorizia è rilevante, ed in Corsica, il lupo e l'orso non siano mai esistiti. Mi piacerebbe sapere se gli Isolani, ed in particolare Allevatori ed Operatori Turistici, ne sentano la mancanza, e, dal momento che la fauna presente è in buona parte d'importazione, sarebbero d'accordo con la (per me folle) politica EU che favorisce e impone la reintroduzione dei grandi predatori, di cui i nostri Antenati, ben più a contatto con la natura di noi, erano riusciti a liberarsi.
Domenica 12 Agosto 2018, 14:02
E' strano come in genere le ricerche vengano orientate su personaggi aristocratici, generali famosi, cavalieri dalle gesta eroiche. Mai un povero cane d'altri tempi, una pastora, un taglialegna, degli individui anonimi, ma non per questo meno degni di attenzione, che hanno vissuto le loro poche gioie e tanti drammi al di fuori di palazzi e castelli. Che i "cacciatori di fantasmi" non siano imparziali?
Giovedì 9 Agosto 2018, 17:49
Purtroppo l'uso sconsiderato, soprattutto, ma non solo, in passato, degli antibiotici, ha portato allo sviluppo di ceppi di batteri resistenti. Questi sono presenti in particolare negli Ospedali. E' purtroppo una situazione con la quale ci troveremo sempre piu' spesso a doverci confrontare.
Mercoledì 8 Agosto 2018, 10:05
Storicamente, la circoncisione è un retaggio dell'antico Egitto; il Prepuzio era considerato "parte femminile" e le Piccole Labbra "parte maschile" e venivano recisi per evitare "contaminazioni" da parte dell'altro sesso. Questa pratica, più o meno modificata, divenne patrimonio di altri Popoli. Attualmente, escludendo le Fimosi Serrate vere, non vi sono ragioni mediche che giustifichino la circoncisione maschile (e tanto più quella femminile), purché venga garantita una buona igiene locale. Una giustificazione per la circoncisione maschile diffusa può riconoscersi in popolazioni dove per varie ragioni l'igiene personale non viene rispettata, in quanto nello smegma è ospite abituale il Papillomavirus, responsabile sia del cancro del pene che, molto più frequentemente, del Cancro della Cervice nella Donna, ancora assai diffuso e mortale nelle Popolazioni dei Paesi in via di Sviluppo. Da noi, l'igiene, e la vaccinazione (maschile e femminile) nei confronti dell'HPV, rendono vieppiù ridotte le indicazioni mediche alla circoncisione.
Lunedì 6 Agosto 2018, 10:00
Negli anni '70, in val Bisenzio (Toscana) con il Btg. Cadore a guardia della ferrovia dopo i fatti dell'Italicus, il torrente cambiava di colore tre volte al giorno, a seconda delle tinte versatevi dalle Tessiture. Bello a vedersi, ma di certo non molto positivo per l'ambiente. I pesci mostravano delle marcate discromie delle scaglie, e qualcuno pareva malformato.
Mercoledì 1 Agosto 2018, 08:58
Simpatizzare con la Serenissima è una cosa (io stesso lo faccio, e stramaledico Napoleone e la sua venuta, con tutte le successive conseguenze), ma fornire solidarietà ad un individuo colto alla guida ubriaco è altra cosa, e squalifica il movimento e l'iniziativa.
Lunedì 30 Luglio 2018, 09:56
Le Persone per bene non girano alle due di notte con arnesi da scasso in macchina, e non danno luogo a sospetti tali da provocare inseguimenti. Si trattave di un ladro recidivo, ed è andato incontro ad un "incidente sul lavoro". La società civile ne avrà solo dei vantaggi. Archiviare la pratica. (Che si trattasse di un marocchino è ininfluente: il mio giudizio sarebbe il medesimo anche si trattasse di mio figlio)
Lunedì 30 Luglio 2018, 09:42
Avevo 15 o 16 anni, e insieme a due amici, da Cortina salii ad un bivacco per poter godere lo spettacolo di un'eclisse lunare. Ma commettemmo il medesimo errore dei bravi cittadini monselicensi: pareti di roccia a negarci proprio quello spicchio di cielo. Non ce ne facemmo un gran cruccio, rientrammo in tempo, un po' assonnati, per la scuola; l'esperienza ci fu d'insegnamento a pianificare meglio le nostre iniziative. Ovviamente, ben zitti per evitare la derisione. Arte, quella di cercare di non mostrarsi più stupidi di quello che si è, che pare essersi persanegli ultimi tempi.
Martedì 24 Luglio 2018, 09:39
Applausi alla Procura! Finalmente un pronunciamento che abbina rispetto della Legge e del Buonsenso. Come ai bei vecchi tempi.
Domenica 22 Luglio 2018, 10:52
Dalle amiche mi guardi Iddio, che ai nemici ci penso io.
Martedì 15 Maggio 2018, 09:48
Mi scuso in anticipo per la spietatezza del mio intervento, ma senza chiarezza non si evidenziano i problemi, primo gradino per risolverli. 1) condivido completamente l'idea che eliminare, espellandoli davvero dall'Italia, tutti i criminali di vario livello che ci hanno invaso, sia necessario, indispensabile. Ma non è sufficiente. 2) con buona pace per l'anima dei defunti e condividendo la sofferenza dei Familiari, non giudico una gran perdita la vita di chi è giunto a stadi così avanzati della dipendenza. Diifficilmente il recupero è possibile, ma rispettando i tentativi di recupero, di certo chi muore di overdose non li sta seguendo e, crudamente, costoro, seguendo il proprio ineluttabile destino, andandosene liberano la società da un peso. 3) Il problema può essere risolto, e ci vorrà il coraggio di un radicale ripensamento, soltanto facendo una serie di passi indietro, ridando dignità e autorità alla Famiglia, riconoscendo che gli stupefacenti non sono né leggeri né pesanti, ma sono sostanze che assunte al di fuori delle strette indicazioni mediche (analgesia, anestesia...) provocano una dissociazione dalla realtà e una progressiva ingravescente assuefazione, inammissimile da una società "civile". Famiglia e Scuola devono davvero educare, riappropriandosi anche del diritto e dovere di imporre le regole coattivamente. Bisogna, tornare alla disciplina in uso alcune generazioni fa e, stigmatizzati e condannati quelli che dovessero risultare reali abusi ed eccessi, riconsiderare se sia meglio qualche amorevole ceffone oggi, o in futuro (e attualmente il futuro è il nostro presente) una gioventù di smidollati, di anarchici, di irrispettosi, di teppistelli prevaricanti sui compagni più deboli e sugli stessi insegnanti, e chi più ne ha più ne metta. Sono passati decenni da quando ci si alzava educatamente in piedi per salutare con un "Buon giorno, Signora Maestra!", e al suo cenno ci si sedeva educatamente, in silenzio. Una nota portava a temutissime conseguenze. L'Educazione Civica si imparava sulle proprie chiappe, più che sui libri: e si viveva meglio, e meglio ci si preparava alla vita. Superfluo fare un confronto con il presente, dove un Padre perde la patria potestà non per aver bastonato i figli, ma per essere stato accusato di averlo fatto, e agli Insegnanti, a scelta, si dice "ciao!" o si mostra il dito medio. E giornali, televisione, invitano all'edonismo, alla dissolutezza, alla trasgressione in tutti i campi. Dimenticare gli ultimi decenni è l'unica possibilità di salvezza per le prossime generazioni. Lo si farà? probabilmente no. Ma quel che è certo è che per Sodoma e Gomorra non ci fu futuro.
Martedì 15 Maggio 2018, 07:36
Cose che succedevano anche in passato. Ma in genere, se la cosa veniva all'orecchio dei genitori, la classica "man de bianco", con periodici richiami a suon di "suole vibram" in caso di recidive, rimetteva sulla retta via il teppistello. Poi sono intervenuti Psicologi, Servizi Sociali e Giudici, ed il genitore interessato a crescere bene i figli non può più applicare le punizioni corporali, altrimenti perde la patria potestà e rischia la galera. Risultato: famiglie distrutte e giovani candidati alla sopraffazione e alla tossicodipendenza. Forse l'educazione applicata dai nostri vecchi era meno costosa e più efficace.
Sabato 12 Maggio 2018, 10:00
Colgo il Suo accenno alle Automobili Elettriche per sottolineare che l'energia necessaria per muoverle comporta una spesa maggiore di quelle di una moderna autovettura (possibilmente con recupero di energia) mossa da carburante tradizionale. Infatti c'è inevitabilmente una dispersione nella catena che conduce dalla produzione (in genere in una Centrale Termoelettrica) e l'utilizzo. Quindi saremo costretti a passare all'auto elettrica, ma sia chiaro che ridurremo l'inquinamento da una parte, per produrne altrove uno maggiore.
Sabato 12 Maggio 2018, 07:47
Sig. Barba Blu, scherzosamente, vista la domanda provocatoria al Sig. Coppertone, devo precisarLe che il significato del nomignolo non è "pneumatico", ma "tonalità di rame", vale a dire "Abbronzato". Buon fine settimana.
Domenica 6 Maggio 2018, 17:13
Anche gli Avvocati, qualche volta, applicano la Legge (quella del buon senso) come si deve, per via diretta e senza tanti fronzoli. Complimenti!
Martedì 1 Maggio 2018, 15:45
A pagare saranno le vittime truffate dai delinquenti rimessi in libertà. Non certo il Giudice. E purtroppo non sono solo i truffatori incalliti, ad essere rilasciati, ma pure gli assassini.