48

Commenti pubblicati:
Sabato 16 Febbraio 2019, 11:02
Signor Coppertone, se i Medici hanno insistito, è perché c'erano grossi rischi che la Signora ci lasciasse la pelle. Ecco come, probabilmente, sarebbe andata a finire. Quanto meno è viva. I figli maggiorenni hanno lasciato la casa: non succede solo per motivi religiosi, e tutto sommato è un evento fisiologico, molto più naurale di quello dei "genitori-dipendenti" a vita. Sgradevole è solo il modo in cui i rapporti si sono interroti.
Mercoledì 13 Febbraio 2019, 17:06
Non sempre ciò che è legale è etico, e viceversa. Esistono le regole, vanno di norma rispettate, ma il buon senso vuole che per un bene superiore possano essere qualche volta derogate. Altrimenti siamo computer, non persone. Mi sono trovato più volte in questo conflitto. Per fare un esempio: nella donazione di sangue il limite è quello dei tre mesi. Più volte mi sono dovuto salassare per due sacche, e immediatamente operare. L'alternativa sarebbe stata la perdita di una vita, perché non v'erano parenti consenzienti. E ovviamente mancavano banche-sangue. Una pratica abominevole, la mia, che in Italia legittimamente avrebbe comportato sanzioni. E nel medesimo tempo la dimostrazione - vite risparmiate a testimoniarlo - che talvolta la mancanza di norme rigide è preferibile al "si fa (o non si fa) e basta". A mio modesto avviso, naturalmente.
Martedì 12 Febbraio 2019, 12:25
Immagino che già vi siano degli Avvocati che gongolano, aspettando che qualcosa vada storto. Quanto agli Infermieri, spero che siano ben tutelati da parte dell' Ospedale con adeguate polizze assicurative. Infine sarei curioso di conscere il parere dell'Ordine dei Medici di Treviso e dei Sindacati di Categoria.
Mercoledì 6 Febbraio 2019, 13:31
Per la verità sono già un'emergenza. Basta chiederlo agli Allevatori. Sul provvedimento concordo.
Mercoledì 6 Febbraio 2019, 13:26
Sarebbe bello avere la certezza di una Cortina super-innevata; in occasione dell'Olimpiade del 1956 vi furono un freddo glaciale e nessuna precipitazione. Tuttavia, anche anche in quell'occasione, quando i cannoni spara-neve erano ancora lungi dall'essere disponibili, con l'apporto decisivo di un diffuso entusiasmo e degli Alpini, tutte le manifestazioni si svolsero perfettamente. Per l'ultima volta, nel raggio di pochi chilometri, vennero disputate tutte le prove, e fu un successo strepitoso.
Giovedì 31 Gennaio 2019, 16:59
Credo che l'affermazione dell'assassino possa essere veritiera. E questo pone una volta di piu' forti perplessita' sulle affermazioni di quanti affermano la non nocivita' delle cosi' detta "droghe leggere".
Mercoledì 23 Gennaio 2019, 09:55
Non è che per caso abbia perso il controllo degli sci in seguito ad un malore, e quindi il decesso abbia delle concause diverse dalla semplice "uscita di pista"? Perché pongo il quesito? In quanto esistono dei precedenti, e l'esatto accertamento dei fatti potrebbe modificare di molto le presunte responsabilità del Gestore, che sovente viene chiamato in causa in questi casi.
Mercoledì 23 Gennaio 2019, 09:48
Un tempo il concetto era: "dura lex, sed lex" e ci si doveva adeguare, essendoci certezza della pena. Da quando questa non esiste più, l'interpretazione della legge genera comportamenti criminali, ed in effetti la sola speranza di sfangarla incentiverà l'abitudine di qualcuno di mettersi al volante dopo una serie di "ombre". Non c'è dubbio che qualche ferito o qualche morto in più conseguiranno a questa sentenza demenziale. Il tono della maggior parte degli interventi, oltretutto testimonierebbe che, per l'ennesima volta, i Giudici si dissociano dal sentire e dal volere della Popolazione.
Martedì 22 Gennaio 2019, 14:53
Certo che no; ma l'intenzione di correggere la falsa idea che certi drammi innescati da una malattia non debbano essere considerati una colpa, e pertanto augurare che in questi casi prevalga la comprensione sul colpevolizzare, credo possa essere condivisibile. Questo mi preme: che nessuno gridi "all'assassino!" nei confronti di una Persona malata, obnubilata dalla Depressione post-partum.
Martedì 22 Gennaio 2019, 08:20
Signor Purista, la depressione è una malattia, con effetti devastanti su chi ne soffre, e sulle loro famiglie. Non va confusa con gli effetti aberranti di una società in degrado come la nostra. Si tratta di due ambiti totalmente diversi, e non è ammissibile attribuire ad una malattia certamente non voluta le connotazioni di una colpa. In casi come questo fa piacere leggere, rispettivamente per la loro obbiettività e la loro umanità, i commenti di "Maurizzio" e della Signora "Ely 85". Alla Signora Ziliotto e al Marito l'augurio che l'appoggio e la comprensione di tutti, e la Medicina, possano offrire le migliori occasioni per superare questo terribile monento.
Sabato 19 Gennaio 2019, 13:07
Si tratta di regole che ho sempre imposto ai miei figli. Purtroppo, quando, io presente, qualcuno di loro si è rivolto all'Insegnante con il "Tu", o ha usato il "ciao", e l'ho ripreso, sono stato bonariamente bacchettato dall'Insegnante stesso, in nome di una "familiarità" che favorirebbe i rapporti docente-alunno. Questo non mi ha mai convinto, perché ritengo che il rispetto formale sia inscindibile da quello profondo e reale. Per questo sono pessimista, pur condividendo le intenzioni della Signora Donazzan.
Lunedì 14 Gennaio 2019, 10:59
Come dice la ex-presidentessa della Camera? Ah, si, ora mi ricordo: qualcosa come "le loro usanze diverranno le nostre". Siamo a posto!
Venerdì 11 Gennaio 2019, 11:17
La Natura, e l'istinto materno, sono forti: basta lasciar loro tempo di esprimersi. Mi sono capitati più volte in Africa casi analoghi. Trattenevo le giovani puerpere un paio di giorni, e quando le mammelle gonfie diventavano una tortura, presentavo il neonato. Presolo in braccio, e dopo il reciproco beneficio della poppata, il cuore si apriva, scorreva qualche lacrima, e non era più possibile separare la madre dal proprio figliolo.
Giovedì 10 Gennaio 2019, 11:13
Il Sacerdote, in Chiesa, non ha fatto che ricordare ciò che ogni buon Cristiano ripete più volte al giorno, dal "Padre Nostro": ... e non ci indurre in tentazione...". Se poi uno non è un buon Cristiano (intendo certi Commentatori, e la stessa giovinetta, che evidentemente il "Padre Nostro" non lo conosce, o non l'ha mai compreso), che ci va a fare in Chiesa?
Giovedì 10 Gennaio 2019, 11:07
Dalle finestre sul Canal Grande. Non in Chiesa.
Martedì 8 Gennaio 2019, 17:01
Qualche decennio fa, nella Chiesa di Pueve di Cadore, Monsignor Fiori, notata una donna in calzoncini corti e con il berretto in testa, finse di non veder bene, e tuono': "Se l'e' un om, zo' el ciapel; se l'e' na femena, zo' le braghe!"
Giovedì 3 Gennaio 2019, 13:18
Qualche brillante mente, invece di dar man libera ai Cacciatori (categoria di cui, per la precisione, non faccio parte, ma che non demonizzo) suggerirà di ricostituire l'equilibrio ecologico incrementando la presenza di lupi, orsi, linci e altri simpatici commensali. Quanto buon senso è andato perduto nel corso dei decenni!
Mercoledì 2 Gennaio 2019, 19:57
Siringhe e aghi usati vanno raccolti in appositi contenitori studiati in maniera che risulti impossibile pungersi. Ogni Ambulatorio o Farmacia dovrebbe esserne dotato, per cui sarebbe bastato che un Medico o un Infermiere di buona volonta', dotato di un paio di guanti monouso, e preso a prestito un contenitore, vi avesse riposto il materiale. Mi pare impossibile che ad Alano di Piave non vengano praticate iniezioni; e se qualcuno le pratica, come diavolo vengono abitualmente conferite le siringhe e gli aghi usati?
Domenica 30 Dicembre 2018, 09:46
Ho letto i commenti, e variano tutti dal sarcastico all' accusatorio. Avranno ragione, ed il mondo sarà diventato un covo di individui dalla doppia vita di cui sempre dubitare. Ma senza prove documentate, non è giusto accusare o deridere chicchessia. Sarò anche un inguaribile ingenuo, ma, fino a prova contraria, preferisco pensare che esistono Persone che, magari incautamente, subiscono dei danni per il semplice fatto di essersi fidati di qualcuno che non lo meritava. Buon 2019 a Tutti !
Sabato 29 Dicembre 2018, 05:43
Non si tratta di questioni di risparmio. Un Chirurgo che non "si allena" in continuazione operando, inevitabilmente diventa uno scadente chirurgo. Questo il primo problema. Secondo: con la carenza di Medici, è inevitabile che molti reparti siano destinati a chiudere.
Venerdì 28 Dicembre 2018, 17:13
Se ho letto bene la lettera dell'Insegnante di Conegliano ai Suoi allievi, non viene trascurata l'istruzione: "Studiare e completare gli esercizi a pag...", oltre che "andare in biblioteca..." e probabilmente, piu' oltre, vi sono altre disposizioni. E' un messaggio originale e accattivante, e mi sembra che non sia da biasimare. Anzi, mi pare che coniughi egregiamente istruzione ed educazione, in senso lato. Buone feste!
Domenica 23 Dicembre 2018, 09:45
Chiaramente, quando vi sono due categorie simili, ciascuna rivendica alcune prerogative, e invidia quelle altrui. La soluzione salomonica sarebbe accorparle, accomunando diritti e doveri di ciascuno. Troppo difficile?
Giovedì 20 Dicembre 2018, 16:16
Povera donna, povere bambine, e povero marito. La depressione post-partum colpisce, e lascia la devastazione.
Giovedì 20 Dicembre 2018, 16:12
Pinocchio o meno, chi investe un asino (o altri animali domestici o selvatici di una certa taglia) una bella punizione la riceve comunque dal Carozziere!
Domenica 16 Dicembre 2018, 06:33
Tutti quelli che non mancano occasione per vomitare veleni sui medici e su veri o presunti errori, almeno una volta riconosceranno che una vita è stata salvata? Oppure, trascorso qualche giorno, qualche bello spirito in cerca di un malloppo denuncerà l'equipe suggerendo che forse la milza poteva essere risparmiata? E a seguire anni di discussioni e di perizie per stabilire la correttezza di una decisione che va presa nel giro di minuti? Qualcuno si rende conto delle condizioni in cui i Medici in Italia sono costretti ad operare?
Domenica 16 Dicembre 2018, 06:20
Ha detto quello che pensa la maggioranza di noi
Mercoledì 12 Dicembre 2018, 08:41
Una ragione di più per evitare Facebook, e tutti gli altri "social" che stanno contribuendo all'arretramento culturale e morale del nostro Mondo.
Mercoledì 12 Dicembre 2018, 08:26
Mi dispiace per costui, ma la notizia non è che un ladro vada in galera per i reati ripetutamente commessi, ma che purtroppo non ci vadano tutti i suoi compari (senza distinzione di etnia) che basano la propria vita sul danno a carico del Prossimo.
Mercoledì 5 Dicembre 2018, 15:55
E' vero - se le regole non sono cambiate - che la Regione dove la prestazione è stata offerta si rivale su quella dove è registrato il Paziente. Tuttavia un certo svantaggio rimane per i Cittadini Veneti (o di altre Regioni "virtuose"): l'allungamento delle liste di attesa.
Mercoledì 5 Dicembre 2018, 12:02
Per quel che può valere il mio parere, Elidon Sadiq sarà anche residente a Cordenons, ma il nome è di provenienza Pakistana.