Estate, previsto week-end pre-Covid: 2 milioni di pernottamenti. Al mare tutto esaurito

Venerdì 18 Giugno 2021
Estate, previsto week-end pre-Covid: 2 milioni di pernottamenti. Al mare tutto esaurito

Il turismo è finalmente in ripresa e si torna ai numeri pre-Covid. Un fine settimana pre-pandemico. Con tanta voglia di stare nuovamente all'aria aperta. Complici il bel tempo e l'avanzato piano vaccinale, tra venerdì 18 e domenica 20 giugno, oltre due milioni di turisti pernotteranno nelle strutture ricettive italiane. In località montane e soprattutto marittime: vicino al mare si registra un sostanziale tutto esaurito. A prevederlo Cna Turismo e Commercio che ha condotto una indagine tra i suoi associati di tutta Italia.

 

Emergenza caldo, al via il piano in attesa dell'ondata di calore

Su due milioni di turisti la stragrande maggioranza (circa 1,7 milioni) saranno viaggiatori domestici. Ma tornano a fare capolino anche i vacanzieri stranieri: si stimano in più di 300mila i turisti provenienti da oltre confine debitamente forniti della certificazione da cui risulta che si sono sottoposti a tampone molecolare o antigenico con esito negativo entro 48 ore al massimo dal loro ingresso nel nostro Paese. Emilia Romagna, Lazio, Sicilia, Toscana e Veneto le regioni con spiagge pronte a calamitare il maggior numero di turisti. Ma proprio questo fine settimana boom porterà i viaggiatori che non troveranno posto nelle strutture ricettive sul mare a pernottare anche in località più lontane, magari nei pressi di borghi e città d'arte. Gli appassionati di mare, colline, fiumi e laghi affolleranno, a loro volta, le mete turistiche più ambite di Lombardia, Piemonte, Trentino Alto Adige, Abruzzo, Umbria. Le strutture alberghiere classiche a carattere imprenditoriale attireranno 1,3 milioni di turisti mentre nelle strutture extra-alberghiere (agriturismi, bed&breakfast, camping e così via) si fermeranno i rimanenti vacanzieri. A dare il proprio contributo alla ripartenza dell'economia turistica va aggiunto, inoltre, il popolo delle seconde case, in particolare per quanto riguarda ristorazione, stabilimenti balneari, impianti sportivi e di risalita.  

Ultimo aggiornamento: 15:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA