Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Avanti un Altro, bufera per la battuta sull'Ucraina. Ma Paolo Bonolis spiega: «Puntata registrata due anni fa»

Mercoledì 23 Marzo 2022
Avanti un Altro, bufera per la battuta sull'Ucraina. Ma Paolo Bonolis spiega: «Puntata registrata due anni fa»

Bufera su "Avanti un Altro" per una battuta di Paolo Bonolis sull'Ucraina. Nel corso della puntata andata in onda questa sera su Canale 5, il conduttore ha chiesto a un ragazzo ucraino come si dice nella sua lingua la frase «Ricordati che devi morire», uno dei tormentoni del game show. Immediate le polemiche sui social. Ma la puntata, in realtà, è stata registrata due anni e mezzo fa, prima della pandemia, e non era mai andata in onda. Lo scivolone però rimane e lo stesso Bonolis ha voluto far chiarezza: «Ho visto che è stata lasciata nella puntata una cosa che doveva essere tagliata da chi deve occuparsi di sistemare queste puntate».

 

Paolo Bonolis spiega: «Puntata registrata due anni fa»

Il conduttore su Instagram ha aggiunto: «È ovvio che è una cosa completamente fuori luogo, visto il periodo che stiamo vivendo. Chiedo scusa io, però non c’entro niente. Non faccio il veggente, non so cosa può accadere a distanza di due anni da quello che faccio. E poi chi si deve occupare di pulire queste cose laddove le avesse rintracciate non sono sempre io, ma è qualcun altro che deve fare questo lavoro».

 

La nota di Mediaset

Anche Mediaset, con una nota, si è scusata per l'accaduto: «A causa della messa in onda di una puntata registrata più di due anni fa di "Avanti un altro" è stata trasmessa una frase rivolta a un concorrente ucraino che voleva essere scherzosa ma che ascoltata in queste ore, in un clima totalmente diverso, è apparsa imbarazzante e fuori luogo. Mediaset si scusa. Abbiamo sbagliato e ne siamo mortificati. Errori del genere non devono avvenire». 

 

Sonia Bruganelli: «Ci dissociamo»

Sulla stessa linea anche la moglie di Paolo Bonolis, Sonia Bruganelli, che su Twitter ha scritto: «La puntata di Avanti un altro di questa sera è stata registrata due anni fa, come vedete dall’assenza di misure di sicurezza, Paolo Bonolis si dissocia comunque da ciò che è stato lasciato andare in onda e che ha disturbato tutti quanti noi compresi».

Ultimo aggiornamento: 21:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA