Facebook, se ora lo Stato di Zuckerberg ha anche una Corte suprema

Lunedì 11 Maggio 2020 di Andrea Andrei

Facebook ha una sua Corte suprema: un comitato di controllo di 20 membri (tra Nobel, Pulitzer ed ex premier) che avrà l'ultima parola sulla cancellazione dei contenuti e sui temi che riguardano la privacy.

Leggi anche: Facebook, nasce il Comitato di Controllo

La situazione, in breve, è questa: quello che era stato concepito come un sitarello per ritrovare gli ex compagni di scuola, Facebook, è diventato una piattaforma web universale che ha reinventato il concetto stesso di società, spesso sostituendo i luoghi fisici deputati alla comunicazione, all'intrattenimento, alla politica. Insomma, una società nella società, uno Stato senza confini di quasi 3 miliardi di persone dove vige la forma più estrema di democrazia, dove cioè chiunque può esprimere il proprio parere e dove tutti i pareri hanno lo stesso valore.

Leggi anche: Facebook lancia Messenger Rooms per le videochat di gruppo

Ma insieme agli onori sono arrivate le responsabilità e, così, i problemi. Sono arrivate le fake news, ma soprattutto si è posta una questione che affligge l'uomo fin dai tempi dell'antica Grecia: chi stabilisce i limiti al diritto di espressione? Insomma, chi gestisce il potere? Zuckerberg ha chiesto più volte ai governi delle regole da seguire, ma i tempi della politica non sono quelli della Silicon Valley, e allora lui ha fatto da sé. E ha scelto il modello dell'aristocrazia platonica, il governo dei migliori, che poi, sempre secondo Platone, facilmente si trasforma in oligarchia. Ma per fortuna a quella siamo già abituati.

andrea.andrei@ilmessaggero.it

Ultimo aggiornamento: 21:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA