Berrettini doma Murray all'Us Open, ora agli ottavi trova Davidovich Fokina

Sabato 3 Settembre 2022 di Vincenzo Martucci
Berrettini doma Murray all'Us Open, ora agli ottavi trova Davidovich Fokina

Matteo Berrettini non aveva brillato all’esordio contro il qualificato Jarry e non aveva convinto contro il lucky loser Grenier ma, costretto ad alzare il volume in tutti settori del gioco contro l’ex Fab Four, Andy Murray, ha offerto una prova importante, gestendo il baronetto scozzese almeno fino 6-4 6-4, quand’ha chiuso virtualmente il match. Ma, appena è calato di intensità e di attenzione e non ha concretizzato 8 palle break, è stato punito con la perdita del tie-break (alla fine il bilancio è 3/13), ha rimesso clamorosamente in partita il famoso avversario e ha rischiato la beffa. Ma è stato bravo e anche fortunato, e alla fine ha chiuso per 6-3 dopo 3 ore 48 minuti, qualificandosi al quarto turno degli US Open sul cemento di New York, contro Davidovich Fokina. Col quale è 0-1 nei precedenti ma sulla terra di Montecarlo.


SUPERIORITÀ

Il numero 1 del Rinascimento azzurro e del Dream Team che il 13-18 settembre comincerà la scalata alla coppa Davis, è stato freddo nella tattica, attento nell’esecuzione, bravo nel micidiale uno-due servizio-dritto. L’allievo di Vincenzo Santopadre, supportato dal tecnico Fit Umberto Rianna, ha gestito il primo set privilegiando la varietà, cioé tagli ed effetti continui per non dare punti riferimento al famoso maestro del gioco da fondocampo di là del net, per poi affondare prima possibile, di potenza, anche con l’aiuto di 9 ace. Accelerando al massimo gli scambi, il romano, sceso al numero 14 del mondo per gli infortuni e poi anche il Covid che l’ha stoppato alla vigilia di Wimbledon ma virtualmente “top ten”, ha chiuso il primo set in 47 minuti.

Poi ha restituito subito il break d’acchito del secondo set ma se l’è ripreso con grande autorità e sapienza nel nono game quand’ha costretto Murray al doppio fallo-suicidio, proprio come nel primo set per il break del 4-3, e del 6-4. Murray, sotto due set a zero, contro un avversario più giovane di 9 anni col quale ha perso due volte su tre, le ultime due sull’amata erba, dopo aver provato a scambiare molto senza mai trovare la chiave per la risposta contro il servizio di “The Hammer” Berrettini, è parso infatti sempre più stanco e scoraggiato. Ma, con la classe, l’esperienza, la resilienza e l’umiltà da ex numero 1 del mondo campione di 46 tornei, fra cui 3 Slam in 9 finali e due ori olimpici, una Davis e un’edizione delle Atp Finals, pur sfiorando il baratro su tutti i games di battuta, è stato premiato da due rigori di dritto sbagliati da Matteo nel tie-break. Che, in un attimo, è finito allo scozzese.


RIPARTENZA
Matteo ha saputo reagire anche al break d’inizio quarto set, recuperando subito l’1-1, con l’aiuto di errori insoliti alla volée di Murray ma anche grazie alla risposta. E, una volta strappato il 5-3 con altri errori proprio col colpo migliore, il rovescio, di un avversario sempre più sulle gambe e scoraggiato, ha chiuso con 47 vincenti (15 ace) e il 76% di punti con la prima. «Purtroppo mi è già successo anche in passato di non essere offensivo in certi momenti importanti, il mio allenatore me lo rimprovera sempre, la prossima volta prometto di essere più coraggioso. La partita si è riaperta, ma sentivo di avere avuto io le occasioni».
 

Ultimo aggiornamento: 16:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA