Tito Lupini non ce l'ha fatta, il pilone della Rugby Rovigo è morto di Covid a 65 anni

Venerdì 23 Luglio 2021 di Ivan Malfatto
Tito Lupini, guerriero e campione d'Italia con la Rugby Rovigo

ROVIGO - Tito Lupini non ce l'ha fatta a vincere l'ultima mischia. Il leggendario pilone e allenatore della Rugby Rovigo degli scudetti del 1988 e 1990 è morto questa mattina a Johannesburg, in Sudafrica, per le conseguenze del Covid. Aveva 65 anni. Ne dà notizia il nipote Gino che aveva informato del suo ricovero a metà giugno. A seguito del quale tutta Rovigo e il mondo del rugby si erano stretti intorno a lui inviandogli messaggi di solidarietà

"Ha avuto una lotta davvero lunga - dice Gino Lupini -  Sette settimane in ospedale e nessun reale miglioramento ed è morto stamattina". Riposa in pace Tito.

Dopo Massimo Cuttitta, un altro leggendario pilone viene portato via da questa terribile pandemia. Covid che ha stroncato le vite anche di Gianluigi Vaccari e altri uomini di rugby

Lupini è stato una leggenda a Rovigo in campo e fuori, esportando la Ciabatta Polesana in Sudafrica, dove ha avviato un fiorente azienda di panificazione industriale.  La sua famiglia è di origine bergamasca, emigrata in Sudafrica.

In maglia rossoblù vanta 123 presenze in 9 stagione, nelle quali ha ricoperto anche il ruolo di allenatore (da allenatore-giocatore ha vinto lo scudetto). Ha indossato la maglia azzurra 11 volte, primo oriundo insieme a Rodolfo Ambrosio. Ha disputato i Mondiali del 1987.

Ultimo aggiornamento: 24 Luglio, 10:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA