Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

John Kirwan e Michael Lynagh, leggende mondiali del rugby tra gli scampi

Lunedì 8 Agosto 2022 di Ivan Malfatto
Michael Lynagh, a sinistra, e John Kirwan, a destra, con i dirigenti del Gruppo Bevanda Malamocco

MALAMOCCO - In passato era toccato a Eddie Jones e Stefano Bettarello, stavolta ai campioni del mondo John Kirwan (All Blacks, 1987) e Michael Lynagh (Australia, 1991). La “Scampata d’agosto” organizzata a Malamocco dal Gruppo Bevanda è diventata una passerella di big del rugby, grazie alle conoscenze del “socio emerito” Fabio Ongaro e di altri amici.

Sabato dopo 168 chili di scampi serviti a tavola ad oltre 100 commensali, Kirwan (tornato in Italia dopo tre anni) e Lynagh hanno ricevuto l’Osella d’oro. Insieme a loro premiati, tra gli altri, anche il presidente federale Marzio Innocenti (capitano dell’Italia al Mondiale 1987), Massimo Brunello, ct dell’Italia under 20 vittoriosa in 7 partite su 10 questa stagione, l’orgoglio ovale veneziano Giovanni Pettinelli e l'ex centro azzurro Gonzalo Canale.

Con quest’ultimo sono stati protagonisti della giornata altri giocatori del Benetton Treviso, che a Malamocco torneranno il 19 agosto per un originale team building in preparazione alla stagione di Urc. Il vulcanico vice presidente Cristiano Capponi e i soci stanno infatti organizzando per i Leoni una sorta di “regata storica” con le principali società remiere veneziane. A vogare in un circuito intorno all’isola di Poveglia sanno i giocatori trevigiani divisi in gruppi, con tanto di tempi e classifica finali.

Un premio andrebbe anche all’ironia di Edoardo Padovani: ha regalato la sua maglia azzurra al Gruppo Bevanda perché, ha detto, nessuno la vuole. È quella indossata contro la Georgia. La prossimo volta pensi a batterla.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci