Il Sudafrica rinuncia al Rugby Championship che gioca in Australia

Venerdì 16 Ottobre 2020

Il Sudafrica campione del mondo in carica ha deciso di non partecipare al 'Rugby Championship', ex Tri Nations, che quest'anno si giocherà in sede unica, in Australia, dal 31 ottobre al 12 dicembre. Gli Springboks, che sono anche detentori del titolo di questa competizione che riunisce, oltre ai sudafricani, le nazionali di Nuova Zelanda, Australia e, dal 2012, Argentina, hanno giustificato la decisione tramite una nota diffusa dal massimo dirigente del rugby locale, Jurie Roux, in cui si spiega che la scelta è stata fatta «per via delle restrizioni in termini di viaggi imposte dai vari governi, per tutelare la salute dei giocatori e a causa degli interrogativi sulla sicurezza».

«Sappiamo di dare una forte delusione ai tifosi e ai nostri partner commerciali - ha ammesso Roux - ma le conseguenze della pandemia rendono impossibile la partecipazione di una squadra senza che venga messa a repentaglio la salute dei giocatori. Per non parlare delle difficoltà logistiche: 24 dei nostri giocatori militano all'estro, fra Inghilterra, Francia, Irlanda e Giappone, e sono sottoposti a regole locali e protocolli di viaggio differenti. In più in alcun zone sono potenzialmente soggetti a quarantena obbligatoria». Il Sudafrica non ha più giocato dopo la vittoria nella finale della Coppa del Mondo 2019 contro l'Inghilterra, e anche l'attuale ct Jacques Nienaber ritiene che «giocare adesso sarebbe pericoloso per l'incolumità dei miei giocatori», Da qui la decisione di dare forfait per la quale l'ente organizzatore del torneo si dice «fortemente deluso».

Ultimo aggiornamento: 14:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA