Paralimpiadi: Tokyo dà il via alla cerimonia d'apertura. Vio e Morlacchi guidano la spedizione più numerosa

Martedì 24 Agosto 2021
Paralimpiadi: Tokyo dà il via alla cerimonia d'apertura. Vio e Morlacchi guidano la spedizione più numerosa

Tutto pronto a Tokyo per la cerimonia d'apertura delle Paralimpiadi 2020 con l'imperatore Naruhito, il conto alla rovescia, i fuochi d'artificio. Le gare sono in programma da domani al 5 settembre nell capitale giapponese che un mese fa ha ospitato le Olimpiadi.

«We have the wings», il titolo della cerimonia, che allude alle ali che spingono al volo del sogno paralimpico gli atleti in gara. In tribuna, nello stadio senza pubblico per l'emergenza
Covid, accanto a Naruhito c'è il presidente del comitato paralimpico internazionale, il brasiliano Andrew Parsons.

Paralimpiadi, Vio e Morlacchi i nostri portabandiera

La delegazione azzurra ha fatto il suo ingresso quattordicesima. A capitanare la
spedizione più numerosa di sempre, ben 115 atleti, c'erano un'emozionata Bebe Vio e il nuotatore Federico Morlacchi.

La prima delegazione a fare il suo ingresso allo stadio Olimpico è stata quella degli atleti rifugiati. A tenere alta la bandiera c'era Mohammad Abbas Kharimi, paratleta del
nuoto afghano, nato a Kabul. Per l'Afghanistan, priva al momento dei suoi due atleti che ieri sono usciti dalla capitale per andare in Australia, ha sfilato solo la bandiera nazionale, portata da un volontario.

«È stato bellissimo e superemozionante portare il tricolore alla cerimonia d'apertura
delle Paralimpiadi, con Federico a un certo punto ci si è incastrata la bandiera e ci abbiamo messo due ore per riuscire a sventolarla bene. Bello tutto, siamo molto onorati di aver avuto questo ruolo. Speriamo di aver rappresentato l'Italia nel migliore dei modi», ha commentato emozionata l'atleta italiana.

 

 

Ultimo aggiornamento: 25 Agosto, 10:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA