Nell'unico turno libero del GP di Imola, comanda Hamilton. La Ferrari è quinta con Leclerc

Sabato 31 Ottobre 2020 di Massimo Costa
Nella foto, Lewis Hamilton

Come Portimao, il circuito di Imola ha superato il primo esame, quello più importante: il giudizio dei piloti. Tutti, proprio tutti, lo hanno elogiato per la difficoltà, per l'impegno che richiede nella guida, per essere un tracciato vecchio stile. E lo stesso sarà tra quindici giorni quando la F1 andrà sullo stupendo Istanbul Park. Mugello, Portimao, Imola, Istanbul, circuiti bellissimi dimenticati nel tempo o mai considerati prima dal Mondiale, ma che il dramma del Covid-19 ha inserito in calendario per la gioia di tutti. E chissà se il prossimo anno qualcuno di questi non riesca a rimanere tra le tappe da affrontare. Il format del GP dell'Emilia Romagna è diverso: venerdì giornata dedicata ai media, oggi un turno di prove libere di 90 minuti, poi la qualifica. Il motivo? La lunga trasferta che i bilici dei team hanno dovuto sostenere in settimana, dalla lontana Portimao (in Algarve, Portogallo) fino a Imola, non permetteva di allestire il paddock nei tempi dovuti e così si è ridotto il weekend di gara. Anche una occasione per verificare, per il futuro, se tale format può essere valido. Se ne era già avuto un antipasto, causa meteo, al Nurburgring.

I 90 di prove libere hanno visto emergere la Mercedes di Lewis Hamilton che con gomme soft ha ottenuto il tempo di 1'14"726, ma Max Verstappen ha "pestato" duro e con la Red Bull-Honda si è preso il secondo posto a 297 millesimi dal campione del mondo. PIù lontano Valtteri Bottas, terzo in 1'15"218, a mezzo secondo dal compagno di squadra mentre quarto il sempre più sorprendente Pierre Gasly con l'Alpha Tauri-Honda, la cui sede è a Faenza, neanche venti chilometri dal circuito. Il pilota francese indossa un casco particolare, con i colori di Ayrton Senna. Confortante quinto posto per Charles Leclerc con la Ferrari, 1'15"688. Il monegasco ha ottenuto il tempo all'ultimissimo giro trovando pista libera a differenza di molti altri piloti, tra cui Sebastian Vettel e Bottas, trovatisi in mezzo al traffico. Il tedesco del team di Maranello è dodicesimo in 1'16"167. Bene la Renault, sesta con Daniel Ricciardo e settima con Esteban Ocon mentre ai box in visita c'è Fernando Alonso. Nella top 10 anche l'altra Alpha Tauri-Honda di Daniil Kvyat, ottavo, che ha preceduto la Red Bull-Honda di un Alexander Albon sempre in difficoltà. Poi, le due Racing Point-Mercedes. La McLaren-Renault ha scelto di segnare i tempi con le gomme medie, unica.

Infine, una nota che coinvolge la mancanza degli spettatori: non si poteva fare diversamente, purtroppo, vista la crescita drammatica dei contagi da Covid-19, e i 13.000 che erano attesi sono rimasti a casa. Un vero peccato considerando che soltanto lo scorso weekend, a Portimao, erano in 45.000. Il ritorno alla normalità è ancora lontano per noi italiani.

Sabato 31 ottobre 2020, libere

1 - Lewis Hamilton (Mercedes) - 1'14"726 - 46 giri
2 - Max Verstappen (Red Bull-Honda) - 1'15"023 - 39
3 - Valtteri Bottas (Mercedes) - 1'15"218 - 47
4 - Pierre Gasly (Alpha Tauri-Honda) - 1'15"633 - 46
5 - Charles Leclerc (Ferrari) - 1'15"688 - 41
6 - Daniel Ricciardo (Renault) - 1'15"839 - 32
7 - Esteban Ocon (Renault) - 1'15"945 - 44
8 - Daniil Kvyat (Alpha Tauri-Honda) - 1'15"966 - 47
9 - Alexander Albon (Red Bull-Honda) - 1'16"061 - 41
10 - Lance Stroll (Racing Point-Mercedes) - 1'16"082 - 42
11 - Sergio Perez (Racing Point-Mercedes) - 1'16"109 - 42
12 - Sebastian Vettel (Ferrari) - 1'16"167 - 40
13 - Romain Grosjean (Haas-Ferrari) - 1'16"550 - 42
14 - Carlos Sainz (McLaren-Renault) - 1'16"560 - 42
15 - Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo-Ferrari) - 1'16"564 - 33
16 - Lando Norris (McLaren-Renault) - 1'16"671 - 45
17 - Kimi Raikkonen (Alfa Romeo-Ferrari) - 1'16"684 - 43
18 - George Russell (Williams-Mercedes) - 1'16"780 - 43
19 - Kevin Magnussen (Haas-Ferrari) - 1'17"060 - 45
20 - Nicholas Latifi (Williams-Mercedes) - 1'17"779 - 29

Ultimo aggiornamento: 1 Novembre, 15:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA