Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gp Aragon, doppietta Ducati: vittoria di Bastianini che beffa Bagnaia all’ultimo giro. L’Aprilia di Espargaro terza. Quartararo cade

Domenica 18 Settembre 2022
L'arrivo vittorioso di Bastianini su Bagnaia

ARAGON - Enea Bastianini ha vinto al fotofinish il Gp di Aragon di MotoGp battendo sul finale Pecco Bagnaia. Due Ducati di due italiani sul podio, terzo Aleix Espargaro. Per Bastianini è la quarta vittoria in stagione. Pecco Bagnaia con il secondo posto recupera comunque parte dello svantaggio sul leader della classica mondiale Fabio Quartararo rimasto a zero punti. Al quarto posto chiude Binder, seguito da Miller, Martin e Luca Marini, decimo Bezzecchi. C’è stato in avvio di gara infatti subito un colpo di scena, con Quartararo, leader del Mondiale, costretto al ritiro dopo essere caduto per aver tamponato la Honda di Marc Marquez. Il pilota della Yamaha è finito a terra ma si è subito rialzato ed è tornato ai box senza problemi.

Anche Marquez si è dovuto fermare senza conseguenze, mentre c’è stato il ritiro anche per il giapponese Nakagami su Honda Lcr. Subito un colpo di scena al Gp di Aragon classe  MotoGp, con Fabio Quartararo, leader del Mondiale, costretto al ritiro dopo essere caduto per aver tamponato Marc Marquez. Il pilota della Yamaha è finito a terra ma si è subito rialzato ed è tornato ai box in sella ad un ciclomotore. Anche Marquez, con la Honda danneggiata, è stato costretto a fermarsi. Ritiro per cauduta, infine, anche per il giapponese Nakagami su Honda Lcr. In testa alla corsa c’è Francesco Bagnaia, con la Ducart ufficiale, seguito da Enea Bastianini.

Ultimo aggiornamento: 18:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA