Formula 1, Vettel: «Singapore pista che amo, ci giochiamo le nostre carte»

Martedì 17 Settembre 2019
«Dopo Spa-Francorchamps e Monza ci spostiamo su un circuito completamente differente ma che amo molto: Singapore. Si tratta di un circuito cittadino con asfalto sconnesso che non concede margine di errore. Oltre a questo è una delle poche corse in notturna della stagione». Fotografa così le insidie del circuito di Marina Bay, dove domenica si correrà il Gp di Singapore, il pilota della Ferrari, Sebastian Vettel. «È un weekend un pò particolare, perché di solito noi piloti, come peraltro la maggior parte della squadra, continuiamo a vivere con il fuso orario europeo, quindi con sei ore di differenza, per cui può capitare di lasciare il circuito a notte fonda, quando per i locali è quasi l'ora di risvegliarsi -prosegue il 4 volte iridato-. Il layout della pista richiede il massimo carico aerodinamico e a disposizione avremo le tre mescole di gomma più morbide». «Fare un pronostico di questa gara è praticamente impossibile a causa delle tante variabili per cui siamo pronti a giocarci le nostre carte. Si tratta di due settimane non facili, specialmente per il team, perché immediatamente dopo questa gara ci sarà il Gran Premio di Russia», conclude il pilota tedesco in vista del 15esimo Gp della stagione in Formula Uno. Ultimo aggiornamento: 15:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA