Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Alonso, la clamorosa rivelazione di un ex McLaren: «Nel 2007 distribuiva buste con soldi per portare il team dalla sua parte»

Martedì 20 Settembre 2022 di Massimo Costa
Nella foto, Fernando Alonso nel 2007

State tranquilli che dove in F1 ci sono controversie, fatti poco chiari, tradimenti, di mezzo c'è Fernando Alonso. Grande pilota, senza dubbio, ma uomo divisivo, difficile, controverso, spesso inutilmente polemico. L'ultima bomba che mette a nudo il comportamento del due volte campione del mondo spagnolo arriva da Marc Priestley, ex meccanico McLaren e successivamente divenuto giornalista televisivo inglese al seguito della Formula 1 e della Formula E. Al podcast PitStop, Priestley ha raccontato una storia decisamente inimmaginabile e relativa al 2007, quando lui lavorava in McLaren e i piloti erano Alonso e il debuttante Lewis Hamilton. Ecco le parole di Priestley: "Una delle tattiche di Nando era quella di portare tutta la squadra dalla sua parte nel box. Al mio arrivo in pista, prima di una gara, notai che uno tra il suo manager e l’allenatore stava distribuendo piccole buste marroni piene di soldi, erano per tutti coloro che non lavoravano sulla macchina di Lewis”.

“Alonso pagava per avere il supporto di più persone, cercava di lottare contro il controllo del team. Ricordo che aprii questa busta marrone e c'erano circa 1.500 euro. Era tutto così losco. Non c’erano contrassegni e così mi sono detto ‘Grazie mille, ma che cos’è?’. Poi, il suo allenatore si allontanò e io rimasi con questa cosa che dentro era letteralmente piena di soldi. Le uniche persone che non ricevettero quella busta sono stati i ragazzi che si occupavano della monoposto di Lewis".



"Cominciai a capire cos'era successo, Fernando stava cercando di ottenere il supporto di sempre più persone, incoraggiandole a sostenere lui in questa battaglia con Hamilton che c’era nel nostro team. La tattica si può dire che sia stata intelligente, ma alla fine, ovviamente, la voce si è sparsa e ci è stata fatta donare l’intera somma in beneficenza. È stata la cosa giusta da fare, ma questo è stato un piccolo spunto per capire le diverse mentalità tra i due piloti”. Queste dunque le parole di Priestley e vediamo se ci sarà una replica da parte di Alonso o di altri ex componenti del team McLaren nel 2007.

La storia ci racconta che alcuni piloti, dopo una vittoria, regalano una sorta di bonus ai componenti del team. Ma di certo, mai si è saputo che un pilota elargisse (in termine giuridico si potrebbero definire tangenti o tentativo di corruzione) soldi per portare i componenti di una squadra di F1 dalla propria parte. E forse, dopo 15 anni, ora si capisce perché Alonso avesse perso la fiducia di Ron Dennis e del resto del team (e non poteva essere diversamente) mentre Hamilton, al debutto in F1, riusciva a mettere in ombra il due volte iridato grazie al suo incredibile talento. Una rivalità assurda, un clima nella squadra rovinato da Alonso, che poi apparve felice quando Hamilton perse il mondiale, ricordiamo da debuttante, all'ultima gara a vantaggio di Kimi Raikkonen.

 

Ultimo aggiornamento: 24 Settembre, 11:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci