Parola a Igli Tare: «Ci saranno dei cambiamenti a fine stagione, la Lazio dell'anno prossimo sarà differente»

Domenica 1 Maggio 2016 di Emiliano Bernardini
Parola a Igli Tare: «Ci saranno dei cambiamenti a fine stagione, la Lazio dell'anno prossimo sarà differente»

ROMA Nonostante manchino tre giornate in casa Lazio è già tempo di bilanci. Prima del fischio d’inizio della sfida con l'Inter il ds biancoceleste, Igli Tare, ha parlato ai microfoni di Mediaset Premium: «Con Inzaghi abbiamo parlato all’inizio, siamo stati chiari con Simone non vogliamo mettergli pressione. Ha questa possibilità di fare un mini-ciclo, poi prenderemo una decisione finale sulla sua permanenza. Fino ad oggi non è stato deciso nulla, abbiamo le idee chiare sul da farsi,i risultati ci aiuteranno».

In casa biancoceleste, non potrebbe essere altrimenti, tiene banco il mercato. Soprattutto quello in uscita: «Una valutazione per Biglia e Candreva? Non sono bravo coi numeri. Sono giocatori pregiati che hanno un valore importante, l’anno scorso abbiamo seguito una strategia, quest’anno prenderemo in considerazione qualsiasi offerta per il bene della Lazio. Ci saranno dei cambiamenti a fine stagione, faremo delle valutazioni».

Il prossimo anno la Lazio non potrà commettere errori dopo la stagione fallimentare che si sta per concludere: «La Lazio dell’anno prossimo sarà differente. Il calcio è fatto di risultati, i tifosi non sono contenti. Vivendo e lavorando a Roma, dobbiamo analizzare tutte le decisone da prendere da qui al futuro, non vedo delle difficoltà. Abbiamo fatto dei discorsi chiari con tutta la squadra, a chi non si sente valorizzato daremo la possibilità di prendere in considerazioni altre strade . Sto lavorando per il mercato d’entrata, il nome della Lazio fa gola a molti. Prendono tutti in considerazione la nostra possibilità. Il desiderio è quelli di fare un’ottima squadra. Ma tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, come si suol dire. Al momento è inutile parlare di mercato, a fine stagione faremo delle scelte. Penso e spero che saranno giuste per il bene della società».

 

Ultimo aggiornamento: 2 Maggio, 00:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA