Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

È morto Villiam Vecchi: l'eroe di Salonicco vinse tutto con il Milan e con il Real di Ancelotti

Mercoledì 3 Agosto 2022 di Salvatore Riggio
È morto Villiam Vecchi: l'eroe di Salonicco vinse tutto con il Milan e con il Real di Ancelotti

Il mondo del calcio è in lutto. È morto Villiam Vecchi. L'ex portiere di Milan, Cagliari, Como e Spal e storico allenatore dei portieri rossoneri è scomparso all’ospedale Santa Maria di Reggio Emilia all’età di 73 anni. Con la maglia del Diavolo era la riserva di Fabio Cudicini, per poi diventare titolare nel 1972-73, vincendo uno scudetto nel 1968, una Coppa dei Campioni e una Coppa Intercontinentale, due Coppe delle Coppe, due coppe Italia. Vecchi è stato il portiere della finale di Coppa delle Coppe che il Milan vinse a Salonicco contro il Leeds (1-0, 16 maggio 1973) ed è stato tra i pali anche quattro giorni dopo, il 20 maggio 1973 nella fatal Verona, quando i rossoneri persero uno scudetto già vinto al Bentegodi. «Sempre vicino al Milan, sempre rossonero. L’eroe di Salonicco continuerà a parare da lassù. Commozione infinita in tutti i milanisti per la scomparsa di Villiam Vecchi. Condoglianze alla famiglia del nostro storico numero 1 e Mister dei portieri Campioni d’Europa 2003 e 2007», il ricordo su Twitter del club di via Aldo Rossi. Quando si è ritirato nel 1982, ha allenato i portieri del Milan per circa 10 anni, dal 2001 al 2010 (in quegli anni ha allenato Dida). Poi, sempre con Carlo Ancelotti in panchina, ha ricoperto lo stesso ruolo al Real Madrid, dal 2013 al 2015, partecipando allo storico trionfo della Decima del 2014. In precedenza aveva lavorato alla Juventus, al Parma e alla Reggiana. Vecchi dal 2016 era tornato a casa, in Emilia, dove aveva ricoperto il ruolo di supervisore della preparazione dei portieri nel settore giovanile della Reggiana. Anche dopo il fallimento ha proseguito la collaborazione con la società alla quale era molto legato.

Ultimo aggiornamento: 4 Agosto, 10:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci