Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Veronique Rabiot, chi è la mamma agente che tiene in scacco la Juventus dopo il rifiuto allo United

Il rapporto tra i due è diventato indissolubile dopo il lungo addio (12 anni a letto, causa paralisi) del marito Michel, morto nel 2018

Giovedì 18 Agosto 2022 di Alberto Mauro
Veronique Rabiot, chi è la mamma agente che tiene in scacco la Juventus dopo il rifiuto allo United

Non è la prima volta che Veronique Rabiot sale agli onori delle cronache per gran rifiuti, polemiche o comportamenti sopra le righe: l’intera carriera di Adrien - in larga parte condizionata dalla presenza ingombrante della mamma agente - è costellata da interventi materni, frasi forti e strappi poi difficili da ricucire. Colpa di un carattere bizzoso e molto esigente, con cui è da sempre complicato trovare compromessi. Lo sa benissimo la Roma, che nel 2014 era ad un passo da Rabiot, salvo poi mollare il colpo per le continue richieste di Veronique a Walter Sabatini.

Inghilterra, il Norwich vieta lo stadio ai bambini: «Troppo pericoloso per l'udito»

L’ultimo episodio della lunga serie è andato in scena sull’asse Manchester Torino, con stallo della trattativa per le eccessive richieste sull’ingaggio della mamma agente. La Juve aveva accettato l’offerta da 20 milioni dei Red Devils per il trasferimento, ma la pretesa di un ingaggio da almeno 10 milioni di euro netti (più un bonus commissione alla firma) ha fatto desistere lo United. Una brutta grana per la Juve che aspettava l’uscita di Adrien per portare a Torino Paredes, e ora anche l’uscita di Rovella è in stand by.

Zaniolo e la Roma, dalla crisi all'amore rinnovato: ecco perché il contratto si dovrà fare

Ma non è la prima volta che Veronique condiziona il futuro del figlio, lo ha fatto in maniera piuttosto evidente nel 2008 quando l’avventura del 13enne Adrien al City durò solo poche settimane perché secondo la madre non erano stati rispettati gli accordi. O ancora 10 anni dopo, quando Deschamps ebbe la sciagurata idea di convocarlo tra la riserve della Francia per i Mondiali. Mamma Veronique non digerì la decisione e ritirò il figlio facendogli perdere la Coppa del Mondo 2018, e la maglia della Francia per i mesi successivi. Il rapporto con la nazionale francese è rimasto complicatissimo, la sua rissa verbale in tribuna contro i parenti di Mbappé e Pogba fece il giro del mondo dopo l’eliminazione della Francia contro la Svizzera, una rabbia sfogata pubblicamente, sempre forte della convinzione di un figlio che meriti sempre di più.

Napoli, è fatta per Raspadori: oggi visite e firma. Juventus, attesa per Depay

Il rapporto tra i due è diventato indissolubile dopo il lungo addio (12 anni a letto, causa paralisi) del marito Michel, morto nel 2018, ai tempi del Psg Adrien finì due volte fuori rosa (la seconda per un'intera stagione) perché non voleva rinnovare il contratto, e per vendicarsi festeggiò sui social l'eliminazione del Psg in Champions. Negli anni successivi alla Juve, arrivato a parametro zero ma con una commissione di 10 milioni alla firma, Veronique era solita chiamare quotidianamente Paratici per lamentarsi del fatto che Adrien giocasse poco o fuori ruolo: decisamente incontentabile da ogni punto di vista.


© RIPRODUZIONE RISERVATA