Acquistano ex giocatore del Barça ma scoprono che ha mandato il fratello gemello: «Una truffa, non parlava bene l'inglese»

Secondo quanto riportato dal giornalista romeno Emanuel Rosu, la Dinamo avrebbe richiesto al difensore di mostrare un documento ufficiale, ottenendo il rifiuto da parte del giocatore

Martedì 14 Maggio 2024
Edgar lé

Una vicenda paradossale, quella che ha visto protagonista l'ex difensore del Barcellona Edgar lé che a febbraio 2024 è stato ingaggiato dalla Dinamo Bucarest.

Il club rumeno solo dopo 5 partite ha scoperto di aver ingaggiato il fratello gemello. Una storia dai contorni ancora poco chiari ma che ha del clamoroso. 

Il caso di Edgar lé

Il giocatore guineiano (con passaporto portoghese) è il protagonista di quella che potrebbe essere definita come una vera e propria truffa. Secondo quanto ricostruito dal quotidiano spagnolo Marca, in Romania si sarebbe presentato non Edgar lé ma il fratello gemello Edelino lé che avrebbe disputato ben 5 partite con la Dinamo Bucarest. 

A portare alla luce il caso dell'ex Barcellona e Villareal è stato il giornalista Daniel Sendre che ha sottolineato lo stupore della Dinamo Bucarest nel constatare che Edgar lé non parlava bene l'inglese. Il giocatore comunicava solo in portoghese, nonostante avesse giocato in Spagna, Francia (Lille), Olanda (Feyenoord) e Turchia (Trabzonspor e Istanbul Basaksehir). Secondo quanto riportato dal giornalista romeno Emanuel Rosu, la Dinamo avrebbe richiesto al difensore di mostrare un documento ufficiale, ottenendo il rifiuto da parte del giocatore.

La Dinamo adesso potrebbe rischiare di perdere almeno gli otto punti conquistati nelle cinque partite di campionato in cui Edgar sarebbe stato "sostituito" in campo dal suo gemello Edelino. Nel caso in cui il club riuscisse invece a dimostrare di essere stato truffato, eviterebbe un'eventuale penalizzazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci