Tifoso del City aggredito dopo la partita contro il Bruges: è in coma. Fermati cinque tifosi belgi

Mercoledì 20 Ottobre 2021
Tifoso del City aggredito dopo la partita contro il Bruges: è in coma. Fermati cinque tifosi belgi

Perdere con stile: i tifosi del Bruges non l'hanno saputo fare, per lo meno non ieri dopo la batosta rifilata in casa dal Manchester City di Pep Guardiola nella terza giornata di Champions League. Un supporter dei Citizens, infatti, Guido De Pauw, 63 anni e belga, è stato aggredito ieri sera in un parcheggio dagli ultrà della squadra padrona di casa e ora si trova in coma in ospedale.

 

Klopp e il siparietto con il giornalista spagnolo: «Non devi creare polemiche tra me e Simeone»

 

Cosa è successo, la ricostruzione della vicenda del tifoso aggredito a Bruges

Secondo le prime ricostruzioni, l'uomo, membro del club dei tifosi del City, è stato colpito alla testa in una stazione di servizio a Drongen - dove si era fermato lungo la strada di ritorno verso la sua casa di Ninove, vicino Bruxelles - mentre cercava di recuperare la sciarpa della sua squadra del cuore che gli era stata rubata da un tifoso del Bruges. Per l'accaduto, cinque persone sono state arrestate dalla polizia belga, che ha lavorato in collaborazione con quella di Manchester per trovare i responsabili.

«Purtroppo si trova in ospedale in gravi condizioni - fa sapere il figlio Jurgen al "Manchester Evening News" - Ero già a casa quando è successo, è terribile, se fosse rimasto in auto o se non avesse cercato di riprendersi la sciarpa sarebbe ora qui con noi. L'hanno lasciato a terra come un cane, ora è in coma in condizioni critiche. Speriamo che ne esca e che quella col Bruges non sia stata l'ultima partita del City che ha visto». Da entrambi i club parole di condanna per l'aggressione e di vicinanza alla famiglia.

Ultimo aggiornamento: 18:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA