Sampdoria-Verona 3-1: D'Aversa vince in rimonta, Tudor si ferma

Sabato 27 Novembre 2021 di Marco Callai
Sampdoria-Verona 3-1: D'Aversa vince in rimonta, Tudor si ferma

Seconda vittoria consecutiva per la Sampdoria. Dopo la Salernitana, è il Verona ad arrendersi. Tre punti ottenuti nella ripresa in rimonta da D’Aversa, ancora una volta grazie all’inesauribile e insostituibile supporto di Candreva, autore del gol del pareggio e dell’assist per il 2-1 firmato da Ekdal. Al 90’ il sigillo di Murru. Ospiti padroni del campo nei primi 45 minuti ma poco propositivi dopo il vantaggio di Tameze (deviazione di Yoshida) arrivato al 37’.  La Sampdoria sale così a quota 15, alla pari con Sassuolo e Venezia.

 

Napoli-Lazio, parla Cataldi: «Voglio diventare una bandiera»

 

Tris Samp in rimonta, il Verona si ferma

LA PARTITA - D’Aversa conferma piena fiducia alla formazione vincitrice dello scontro salvezza in casa della Salernitana. Tudor, con il rientro di Lazovic, retrocede Casale sulla linea difensiva.

I primi minuti sono una partita a scacchi. Colley-Simeone e Dawidowicz rappresentano i duelli più interessanti. Il Verona fa girare il pallone con maggior frequenza ma la precisione, soprattutto nei rifornimenti per Simeone, manca spesso e volentieri. Al 21’ Caprari e Lazovic costruiscono un’offensiva a sinistra ma sul cross Audero è bravo a intervenire. La Sampdoria cresce in prossimità della mezz’ora senza però mai riuscire a trovare la profondità. Caputo e Quagliarella non si trovano praticamente mai.

I problemi per i padroni di casa nascono al 35’ quando Ferrari, a seguito di una caduta, si fa male al polso e deve così lasciare il posto a Yoshida. Al 37’ la frittata è combinata in primis da Audero, dal suo esco-non esco su un pericoloso cross, e poi dal giapponese che devia alle spalle del portiere il rasoterra di Tameze. Al  45’ la palla del pari capita sui piedi di Caputo, imbeccato in corsa da Candreva, ma sul suo tiro è pronta la risposta di piede di Montipò.

D’Aversa dà la carica giusta nell’intervallo e  dagli spogliatoi esce una Sampdoria completamente rigenerata. Ci prova subito Ekdal dal limite dell’area ma Dawidowicz devia sopra la traversa e poi è Montipò a neutralizzare una botta di prima intenzione di Quagliarella. Il pari è nell’aria: al 51’ il cross di Verre da sinistra, la spizzata di  Caputo favorisce l’inserimento di Candreva che è bravo a trafiggere Montipò. Sesta marcatura stagionale per l’ex Inter. Il Verona non si lascia schiacciare e reagisce: Audero deve superarsi allo scoccare dell’ora di gioco su un insidioso diagonale di Simeone. Questo sussulto non basta all’argentino, Tudor lo tira fuori dalla mischia a metà ripresa in favore di Lasagna. E’ ancora Candreva a prender per mano la Samp: al 77’ il suo traversone per Ekdal, bravo ad avvitarsi a staccare bene la sfera che lenta lenta si insacca nell’angolo alla destra di Montipò. Il primo accenno di reazione è nei cartelloni pubblicitari centrati da Lazovic all’81’. D’Aversa si copre: alll’86’ escono Quagliarella, Caputo e Augello, sostituiti da Gabbiadini, Dragusin e Murru. Finale di sofferenza per la Samp? No perché al 90’ si crea una situazione di contropiede cinque contro cinque, il tiro di Gabbiadini viene respinto ma poi è Murru a indovinare l’angolo giusto. Samp dai due volti. Contratta nel primo tempo, sciolta nel secondo. Conta il risultato finale, un 3-1 casalingo che la allontana dalla zona calda della classifica.

Ultimo aggiornamento: 20:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA