Paolo Rossi, l'ultima intervista cinque giorni fa: «Sono mesi difficili»

Giovedì 10 Dicembre 2020
Paolo Rossi, l'ultima intervista cinque giorni fa: «Sono mesi difficili»

«Sono stati mesi difficili, che sto cercando di superare. Una fase complicata della mia vita, dal punto di vista della salute, ma sto facendo di tutto per tornare quanto prima a stare bene. Nonostante ciò, non mi sono mai perso una partita del Lane, è più forte di me! È un pezzo di cuore». Così Paolo Rossi aveva aperto uno spiraglio sulle sue gravi condizioni di salute, nell'ultima intervista pubblicata cinque giorni fa sul Giornale di Vicenza. Nelle risposte alla giornalista Alberta Mantovani, Pablito esprime il suo affetto immutato per la società biancorossa, quel "Real Vicenza" di fine anni 70 guidato da Giovan Battista Fabbri, in cui era esploso con decine di gol, dalla B alla A, e del cui cda faceva parte.

 

Morto Paolo Rossi, eroe del Mundial 1982. Aveva 64 anni, sconfitto da un male incurabile

Paolo Rossi morto: la moglie: «Dopo di te il niente»

 

 

Il Covid

 

Rossi parlava delle restrizioni per la pandemia da Covid. «Credo sia tutto un pò falsato, perché a volte le scelte sono obbligate. Ma è un destino democratico, vale per tutti, quindi non resta che giocarsela in campo. Quello che non mi piace è che non ci siano tifosi allo stadio. Da calciatore so quanto sia importante il calore del pubblico e da spettatore mi rendo conto di quanto il tifo faccia a volte la differenza».

A colpirlo, la notizia del primo arbitro donna in Champions: «Una bella svolta, mi piace l'idea. Anche qui, come per tutte le novità, va assecondata. Le donne sono attente, diligenti, determinate e quando scelgono di fare una cosa la fanno al meglio, dunque avanti così».

Un pensiero infine a due ex compagni di quel Lanerossi da poco deceduti, il portiere Ernesto Galli e Mario Maraschi: «Mario - ha ricordato Rossi - è stato una bandiera nella storia biancorossa, Ernesto, un fratello. Un amico sincero, un pilastro del Vicenza e di Vicenza. Non ho ancora smesso di piangere, mi ha colpito molto questa sua dipartita, soprattutto per le modalità. Mi ricordo quando ho dovuto calciare un rigore contro di lui a Perugia. Io all'epoca giocavo con il Grifo, lui con l'Udinese. Ho fatto gol ma ero dispiaciuto, lui è venuto a rincuorarmi. Questa è l'essenza del nostro rapporto, sopra ogni interesse, non lo dimenticherò mai. Ciao Ernesto», aveva concluso Pablito.

 

 

 

 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 12 Dicembre, 01:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA