Zaccagni, l'eroe del derby senza Nazionale: ecco perché Mancini non lo convoca

Tutta colpa di rispetto: il motivo dell'esclusione del miglior marcatore italiano (insieme a Immobile) risale al giugno scorso...

Lunedì 20 Marzo 2023 di Niccolò Dainelli
Mattia Zaccagni, l'eroe del derby senza Nazionale: ecco perché Mancini non lo convoca

Mattia Zaccagni è sicuramente l'uomo del momento. Con il suo gol ha deciso il derby e, per la Roma biancoceleste, è un vero e proprio eroe. Ma a 24 ore dal trionfo della Lazio, qualcosa stride con le convocazioni diramate dal Ct Roberto Mancini: tra i nomi che affronteranno Inghilterra e Malta per la qualificazione ad Euro 2024 manca il suo nome. Un dettaglio non di poco conto se pensiamo che l'esterno è l'italiano con più gol in questo momento in Serie A, ben 9.

Leggi anche > Zaccagni, l'uomo derby della Lazio: «Gol dedicato a mio figlio e ai tifosi»

Perché non lo convoca?

Mattia Zaccagni sta vivendo, probabilmente, la miglior stagione da professionista: già 9 gol in campionato, gli stessi di Ciro Immobile. Eppure, il ct della Nazionale ha comunque deciso di fare a meno di lui, nonostante la drammatica carenza di attaccanti con cui gli Azzurri devono fare i conti. Un escluso di lusso che nelle ultime ore sta facendo scalpore nell'ambiente...

o almeno così si pensava. Secondo quanto rivelato da La Repubblica, infatti, esiste un motivo ben preciso che ha portato all'esclusione di Zaccagni. 

Tutta colpa del rispetto

Secondo quanto riferisce il quotidiano, infatti, a giugno Zaccagni e Lazzari si sono presentati dal Ct Mancini per dirgli che avevano riportato un problema fisico. Così l'allenatore ha chiesto a entrambi di fare una visita di controllo con il medico della Nazionale. E, nonostante aver ricevuto la garanzia da parte dello staff tecnico di Roberto Mancini, che i due avrebbero fatto comunque in tempo a tornare per giocare alcune partite con la maglia Azzurra, i due dissero di non sentirsela. Una risposta che il commissario tecnico non prese affatto bene. Niente a che fare con considerazioni tecniche o tattiche, dunque. Ma solo una questione di rispetto che i due calciatori non hanno avuto nei confronti dell'allenatore e di tutta la squadra. 

 

Cosa nota

Da quanto si apprende, la questione è ben nota all'interno del centro tecnico di Coverciano. «Non lo dice nessuno, ma a Coverciano lo sanno davvero tutti», spiega La Repubblica. E la mancanza di rispetto ha avuto la precedenza su qualsiasi tipo di scelta prettamente di campo (giustamente). Un comportamento, quello di Zaccagni, che non è stato apprezzato da Mancini e dalla squadra e che gli è valso l'esclusione dai convocati di settembre e, adesso, da quelli dei prossimi impegni in vista della qualificazione al prossimo Europeo.

Nonostante la necessità

La concorrenza sulla fascia sinistra non è certo insormontabile per un Mattia Zaccagni tirato a lucido. Federico Chiesa è alle prese con i continui guai fisici e Gnonto e Grifo non sembrano essere all'altezza del miglior italiano, per gol segnati, del momento. Ma la presa di posizione del Ct Azzurro è chiara: la maglia della Nazionale italiana va rispettata. E non si sa quanto ancora Roberto Mancini abbia in mente di «punire» il calciatore. A meno che la decisione sul suo conto non sia definitiva...

Ultimo aggiornamento: 21:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA