Lazio, Milinkovic esulta: «Segno quando serve»

Domenica 4 Ottobre 2020 di Valerio Cassetta

Segno quando voglio. Sergej Milinkovic si prende la scena all’Olimpico. Quasi un’ora senza incidere, poi il colpo di testa che vale il pareggio finale contro l’Inter. Il centrocampista della Lazio esulta in campo e anche su Instagram: «Hey amico, ricorda che Sergente fa gol quando serve». Lo scorso anno decise la sfida con un sinistro chirurgico da dentro l’area di rigore. Quest’anno la sua schiacciata di testa regalo un punto alla squadra di Simone Inzaghi ed evita la sconfitta con i nerazzurri. Nel primo tempo il numero 21 biancoceleste soffre la pressione degli avversari, che spesso raddoppiano la marcatura su di lui. Nella ripresa, invece, esce fuori lo strapotere fisico e il talento del serbo. Perisic non può nulla contro Sergej, che svetta e insacca (con la partecipazione di Handanovic, che respinge male). Inzaghi può sorridere: il "Sergente" è tornato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA