Lazio, il Milan passeggia a Formello: finisce 1-8. Di Adriana Martin la rete biancoceleste

Sabato 11 Settembre 2021 di Giuseppe Mustica
Lazio, il Milan passeggia a Formello: finisce 1-8. Di Adriana Martin la rete biancoceleste

No, non era sicuramente questa la partita in cui la Lazio poteva fare punti. Una neopromossa, alla primissima esperienza in Serie A, contro il Milan di Maurizio Ganz che punta a vincere il campionato. Ma un passivo del genere non era preventivabile. Le rossonere passeggiano a Formello: finisce 1-8. Una debacle clamorosa per le biancocelesti. E adesso, benedetta sosta: sì, perché c'è da dimenticare una gara che potrebbe influire nel morale delle ragazze di Carolina Morace. In campo si torna a ottobre, nazionali in giro non ce ne saranno, e bisogna sfruttare questo periodo per lavorare, lavorare e ancora lavorare. Come la canzone cantata da Fabri Fibra: unico modo per uscire da un periodo nero.

Milan senza pietà

Un Milan senza pietà: trascinato da Valentina Giacinti autrice di quattro reti. Ad aprire la partita, al 5', ci ha comunque pensato l'ex Roma Thomas, imbeccata da Boquete, che non ha lasciato scampo a Ohrstrom. La francese, che quest'anno è andata a giocare alla corte di Ganz, ha poi trovato la doppietta personale nel secondo tempo. Nel finale le reti di Boquete e di Cortesi. Per la Lazio, il gol della bandiera, l'ha siglato Adriana Martin, al suo primo centro in Serie A dopo aver chiuso da capocannoniere in Serie B la passata stagione. 

DIFESA DA BRIVIDI. Una difesa ballerina, quella della Lazio, che ha permesso al Milan di andare a nozze. Ogni volta che la squadra rossonera attaccava, dava la sensazione di poter trovare la rete. Troppo spazio tra i reparti, troppa sufficienza nell'andare a contrasto. E per le esperte rossonere è stata davvero vita facile. Troppa. Un passivo pesantissimo, come detto, che però bisogna dimenticare in fretta. Al ritorno ci sarà la gara contro la Fiorentina, un'altra squadra praticamente costruita quest'anno. Ecco, lì non si può più sbagliare.

Video

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA