Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lazio, c'eravamo tanti amati: Tare, lite con Sarri a Formello. Poi il diverbio con Lotito (che il club nega)

Mercoledì 6 Luglio 2022 di Alberto Abbate e Valerio Marcangeli
Lazio, c'eravamo tanti amati: Tare, lite con Sarri a Formello. Poi il diverbio con Lotito (che il club nega)

Si riparte col piede sbagliato. Anzi, in un flash, è incredibile il salto di sei mesi all'indietro. Si torna alla bufera di gennaio: Tare o Sarri, la novità di luglio è Angelo Fabiani di mezzo, a rendere il mix ancora più esplosivo. L'ingresso dell'ex ds della Salernitana nell'organigramma societario (ufficializzato ieri come coordinatore di Primavera e Women) ha riscoperto un vaso stracolmo di tensioni mai davvero rientrate nella Lazio. E gli ultimi giorni di mercato hanno riacceso un focolaio dietro l'altro. Tare innanzitutto non si aspettava che Lotito potesse fare sul serio, togliendogli la gestione della Primavera per il futuro. Fra sabato sera a cena e domenica a pranzo si è così scatenato il putiferio. Tanto che l'altro ieri sera l'albanese e il patron si sono ignorati alla presentazione delle maglie, salvo poi discutere animatamente (lite che il club ieri sera ha definito priva di fondamento) a fine evento, davanti a tutti a Piazza del Popolo. Dove, guarda caso, non si era presentato Sarri con il suo staff tecnico. Motivo? La preparazione del ritiro, ma Maurizio nel pomeriggio era stato duro per la mancata chiusura di alcuni rinforzi (in teoria ultimati) prima della partenza per Auronzo. Manca un portiere fra Vicario (dopo Carnesecchi, il preferito) e Luis Maximiano (favorito per il club, nuovi contatti per il prestito), oltre un secondo fra Provedel e Terracciano o i low cost Adrian e Asenjo. Ma l'affronto più grande è che lo svincolato Alessio Romagnoli, sedotto da un anno, non sia ancora sposo della Lazio dopo la cena di domenica a Villa San Sebastiano: «Abbiamo fatto l'offerta massima ha svelato lunedì sera Tare e infatti il difensore vuole venire e ha accettato. Fate due più due, il problema è un altro...». Sono quelle maledette commissioni da riconoscere al manager Enzo Raiola a cui stanotte si è provato ancora ad andare incontro, dal momento che l'ex Milan ha persino già bloccato una mega casa all'Olgiata in affitto.

FACCIA A FACCIA E COMUNICATO

Ieri alle 14 a Fiumicino è atterrato invece il difensore Mario Gila, prelevato per 6 milioni dal Real: «Forza Lazio, sono davvero felice di essere qua». Stamattina farà le visite e raggiungerà Sarri, sbarcato già ieri alle 18.50 con una parte della ciurma (attesi Patric - ufficiale il rinnovo sino al 2027 - e oggi Marcos Antonio, dopo aver ultimato il visto in ambasciata) sul lago di Santa Caterina. Il 21enne spagnolo era sì una giovane richiesta del tecnico, centrata da Tare, ma non la priorità sul centro-destra. Maurizio vuole ancora Nicolò Casale titolare, Lotito conta di risolvere entro oggi la dilazione dei pagamenti, dopo aver trovato l'accordo a 8 milioni più 2 di bonus col Verona, ma deve stare attento al rilancio del Monza. Si sta interessando Fabiani a questa trattativa (c'è anche Ivan Ilic in caso di uscita di Luis Alberto, direzione Siviglia) perché proprio il jolly veneto in inverno era stato il pomo della discordia fra Sarri e Tare, che ieri alle 14.15 ha incontrato Lotito a Formello per un altro preventivato faccia a faccia. Il ds si è presentato addirittura con il suo avvocato, nel centro sportivo (la squadra era già partita) hanno sentito subito le urla: «O io o Sarri, scegli. Ora basta». Secondo l'albanese anche alcuni giocatori si lamenterebbero e sarebbero stanchi dei modi della guida tecnica.

 

Nella testa di Igli non c'è dunque solo lo smacco di Fabiani (promesso dg) e della Primavera, anche se quella è la prima ferita confessata la sera prima: «Non meritavo di essere trattato così dopo 17 anni in questa società, dopo essermi preso sempre le colpe, senza mai una difesa». La storia con la Lazio è arrivata al capolinea? Chissà, Tare ha un altro anno di contratto, c'è chi lo vede in anticipo in Federazione in Albania, ma in questi giorni ha assicurato che non si dimetterà prima. E ieri ne ha dato prova, lanciando a Lotito un altro aut aut, prima di rimettersi all'opera. «Io non combatto, io vinco», è il suo slogan. La partita interna è aperta, ma dal 2009 Tare, ogni qualvolta è sembrato con un piede fuori dalla porta, è sempre rientrato più forte di prima. Già ieri, dopo ore di confronto a Formello, c'era tanta quiete dopo la tempesta. Suggellata dalla biancocelestiale nota di fine serata: «Tare gode della considerazione e fiducia della società e del suo presidente, e continuerà a svolgere, come ha sempre fatto, il ruolo di direttore sportivo della prima squadra».
 

Ultimo aggiornamento: 15:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA