Kobe Bryant, niente minuto di silenzio prima di Milan-Torino: l'arbitro ferma i giocatori

Martedì 28 Gennaio 2020
Kobe Bryant, niente minuto di silenzio prima di Milan-Torino: l'arbitro ferma i giocatori

Niente minuto di silenzio per Kobe Bryant prima di Milan-Torino di Coppa Italia. La Lega non ha concesso l'autorizzazione, così la società rossonera ha provveduto a realizzare uno splendido tributo nel prepartita. Ma quello che è accaduto prima del fischio d'inizio ha dell'incredibile: le due formazioni si dispongono in cerchio a metà campo per il minuto di silenzio, ma l'arbitro dà alle squadre un immediato "rompete le righe", perché la commemorazione non è stata autorizzata. I tifosi a San Siro hanno reagito fischiando sonoramente.

LEGGI ANCHE Milan-Torino, al 24' San Siro ricorda Kobe Bryant: striscione e applausi
 


La maglia rossonera di Kobe Bryant con il numero 24 posta a bordo campo assieme ad un mazzo di fiori gialloviola, le foto scelte dai tifosi con l'hashtag #SempreKobe scorrono sul maxi-schermo, un video emozionale a luci soffuse accompagnato dagli applausi degli spettatori sulla colonna sonora di «Who wants to live forever» dei Queen. Il Milan ricorda così, prima dei quarti di finale di Coppa Italia contro il Torino, Kobe Bryant, scomparso tragicamente domenica assieme alla figlia Gianna Maria e ad altre sette persone.  Le due squadre indossano il lutto al braccio ma non c'è stato il minuto di silenzio, come invece era filtrato nella giornata di ieri. A San Siro si scorgono molte magliette dei Los Angeles Lakers, di cui Bryant è stato leggenda e icona: alcune indossate, altre alzate al cielo. Un'atmosfera commossa a cui hanno partecipato sugli spalti anche il ct della Nazionale Roberto Mancini, Andrea Pirlo e l'ex ad del Milan Adriano Galliani che ha ripreso con il cellulare il toccante tributo per un fuoriclasse indimenticabile.


 

 
 

Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio, 23:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA