Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La Juve ora fa sul serio: in chiusura Di Maria, Zaniolo nel mirino. E in attacco non c'è solo Arnautovic

Valutazioni di mercato anche su Muriel e Simeone

Lunedì 27 Giugno 2022 di Alberto Mauro
La Juve ora fa sul serio: in chiusura Di Maria, Zaniolo nel mirino. E in attacco non c'è solo Arnautovic

Di Maria non è mai stato così vicino alla Juventus, accordo raggiunto, ora per chiudere il suo passaggio a Torino mancano soltanto i dettagli, compresi i bonus del suo contratto da 7 milioni per una sola stagione (con opzione per il secondo anno). Poi, dopo un lunghissimo corteggiamento, Allegri potrà ammirare il Fideo alla Continassa, in un attacco di altissimo livello con Vlahovic e Chiesa, appena rientrerà definitivamente dall’infortunio, aspettando poi l’affondo per Kostic. Il Fideo è stato sempre il primo nome in cima alla lista degli attaccanti di Allegri, che aveva bisogno di esperienza e mentalità vincente da affiancare alla dirompente forza giovanile di Vlahovic. L’operazione si è sbloccata nel weekend, decisiva la volontà della Juventus di ottenere il sì di Angel a tutti i costi (andando incontro al giocatore su ingaggio e durata del contratto).

Zaniolo e la Roma, il grande freddo: il giocatore è sul mercato

Roma, mancano gol in attacco: Berardi l'alternativa a Zaniolo. Si avvicina Guedes, il Napoli su Solbakken

Mentre il Barcellona - la prima scelta dell’argentino - non ha potuto formalizzare l’offerta anticipata da Xavi, a causa del mercato congelato per i 500 milioni di rosso a bilancio. Il Fideo ha aspettato, e si è preso tutto il tempo per fare le sue valutazioni, dal mare di Ibiza insieme alla famiglia e i compagni Lo Celso e Paredes (anche lui nel mirino della Juventus). La dirigenza aveva chiesto una risposta definitiva entro domenica, e Di Maria ha sciolto anche le ultime riserve, rimane soltanto da definire gli ultimi dettagli e poi potrà diventare il 35° argentino della storia bianconera, nel solco di Sivori, Higuain, Tevez e Dybala. Ma Di Maria non basta, anche perché il reparto offensivo della Juventus cambierà faccia, dopo il ritorno di Morata a Madrid, la probabile partenza di Kean, gli addii senza riserve di Dybala e Bernardeschi, e un punto di domanda sul rientro di Chiesa, probabile da fine settembre. Non scalda il nome di Werner, offerto dal Chelsea come contropartita per de Ligt (troppo alto l’ingaggio del tedesco per i parametri juventini), e per il ruolo di vice Vlahovic rimane in pole Arnautovic con valutazioni anche su Muriel e Simeone. Sempre calda la pista Zaniolo, che nelle idee di Allegri può giocare esterno d’attacco o mezz’ala: c’è ancora distanza sulla valutazione del giocatore ma Juve e Roma lavorano per arrivare a un punto d’incontro, con l’inserimento di Arthur (gradito a Mou) o McKennie in contropartita. Mentre Berardi rimane un'alternativa e Kostic invece una certezza, in attesa dell'affondo definitivo della dirigenza.

Ultimo aggiornamento: 28 Giugno, 13:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA