L'Inter capolista spinta dai difensori: 2-1 alla Lazio con Bastoni e Skriniar, non basta Immobile

Domenica 9 Gennaio 2022
L'Inter capolista spinta dai difensori: 2-1 alla Lazio con Bastoni e Skriniar, non basta Immobile

Non è bastato il gol segnato a una difesa reduce da sei clean sheet di fila e nemmeno un buon approccio. La Lazio perde contro la capolista Inter che continua a volare in classifica. I biancocelesti tengono bene il campo, ma sono poco pericolosi in fase offensiva. Simone Inzaghi si prende la rivincita dopo la sconfitta dell’andata e ringrazia i difensori. Bastoni e Skriniar proseguono la marcia dei nerazzurri in vetta alla Serie A.

Bastoni apre le marcature, il guizzo di Immobile ristabilisce la parità

Pressing alto per non far respirare l’Inter con le mezzali pronte a spingersi fino al limite dell’area avversaria. La Lazio dimostra subito di aver ricevuto il messaggio del proprio allenatore. I biancocelesti accettano la superiorità dei nerazzurri lasciandogli il pallino del gioco e preparandosi a ripartire con qualità. L’equilibrio del club capitolino si nota anche dal fatto che l’impeto dei campioni d’Italia non è il solito. Una buona partenza che rischia però di dissolversi al 17’. L’Inter passa in vantaggio con Lautaro Martinez lanciato in porta da Sanchez a difesa schierata. Sarri è già pronto a mangiarsi i suoi difensori, ma il Var Aureliano dà una mano al pacchetto arretrato biancoceleste segnalando un fuorigioco millimetrico all’argentino.

L’occasione sblocca i padroni di casa che iniziano a macinare gioco e dopo due occasioni nitide passano in vantaggio al 30’ su un calcio d’angolo derivato da un gran riflesso di Strakosha proprio su Lautaro. Sul cross di Sanchez dopo una deviazione la sfera arriva a Bastoni che mira l’angolino e fa 1-0. Vantaggio momentaneamente meritato che però non affossa la Lazio. La squadra di Sarri resta in partita e al 35’ ristabilisce la parità. Solito lancio di Cataldi per Immobile che sfrutta il mal posizionamento di De Vrij e l’uscita a vuoto di Handanovic e fa 1-1. Il capitano biancoceleste raggiunge quota 15 gol in campionato per la sesta stagione di fila: come lui solo Lewandowski e Salah. Guizzo fondamentale che permette al club capitolino di rientrare negli spogliatoi in parità.

Inter superiore, Lazio troppo rinunciataria: la decide Skriniar

L’equilibrio della gara emerge anche a inizio secondo tempo. I biancocelesti si compattano lasciando pochi spazi all’Inter facendosi vedere anche in fase offensiva con Immobile e Milinkovic. Sarri è soddisfatto ma cerca più freschezza in fase offensiva e fa il primo cambio: fuori Felipe Anderson, dentro Zaccagni. Staffetta annunciata. Intanto l’Inter torna a farsi pericolosa e al 64’ solo due grandi salvataggi di Strakosha e Luiz Felipe su Dumfries e Perisic tengono a galla il club capitolino. L’aumento della pressione nerazzurra si fa sentire e al 67’ Skriniar firma il vantaggio. Cross perfetto di Bastoni dalla sinistra sul quale il numero 37 slovacco, lasciato colpevolmente solo, ringrazia e fa 2-1.

Un gol pesante che spinge Sarri a un altro doppio cambio. Leiva e Luis Alberto prendono il posto di Cataldi e Basic per una Lazio costretta ad alzare il baricentro per cercare di nuovo il pareggio. Dal canto suo anche Inzaghi inizia a cambiare qualcosa. Correa e Dzeko rilevano Sanchez e Lautaro, mentre Darmian prende il posto di Dumfries. Sebbene sia la Lazio a dover cercare il gol i biancocelesti faticano molto a penetrare nelle maglie nerazzurre. Sarri si gioca anche l’ultima carta offensiva: dentro Lazzari al posto di Hysaj. L’Inter inserisce Vidal e Dimarco. Tanti cambi, ma poche emozioni. I padroni di casa restano in totale controllo del match e tornano in vetta alla classifica nonostante la gara in meno.

 

 

SEGUI LA DIRETTA DI INTER-LAZIO

Ultimo aggiornamento: 10 Gennaio, 14:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA