Cristiano Ronaldo choc, il suo sfogo è virale: «Mi sento in una gabbia, i soldi non sono tutto!»

Giovedì 9 Settembre 2021
Cristiano Ronaldo choc, il suo sfogo è virale
6

Cristiano Ronaldo choc. I soldi non fanno la felicità e in questo caso il fenomeno portoghese, ex Juventus, sfogandosi, ritiene che la celebre frase sia spesso veritiera.  CR7 si è sfogato nel corso di un'intervista rilasciata al Daily Mail e ha ha rivelato il lato oscuro e nascosto della celebrità. Essere un'icona mondiale non è per niente semplice, da quanto rivela il talento portoghese e le sue dichiarazioni stanno facendo il giro del mondo diventando virali.

 

Leggi anche > Roberto Mancini bloccato sull'autostrada diventa una furia sui social: «Dovete vergognarvi»

 

Sicuramente faranno tanto parlare e discutere le dichiarazioni di Cristiano Ronaldo che ha confessato che essere famoso non è per niente semplice.

 

«Essere me stesso è noioso - ha detto la stella del calcio mondiale -. Quando la notorietà inizia è tutto bello. Sei famoso, sei un giocatore fantastico, vinci trofei, fai gol, sei in prima pagina sui giornali, in televisione. Ma dopo molti anni, guardi la vita in un modo diverso».

 

Cr7 ha, poi, proseguito parlando delle difficoltà che incontra una star di livello mondiale: «Hai una ragazza, hai figli, vuoi un po' di privacy e non c'è più privacy. La mia privacy è andata. Se ne avessi l'opportunità ora, pagherei per riavere la mia privacy. La gente dice: 'Ma tu sei ricco. Hai soldi, hai macchine, hai case'. Ma questo non è tutto. Credimi, essere troppo famoso non va bene. Sai quante volte sono andato al parco con i miei figli negli ultimi due anni? Zero. Se vado al parco arrivano all'improvviso tantissime persone. I bambini saranno nervosi, io sarò nervoso, la mia ragazza sarà nervosa. Non posso andare in un bar con gli amici perché so che non si sentiranno a loro agio con me lì. Evito di fare questo genere di cose, perché le persone intorno a me saranno più nervose di me. Mi sento come se fossi in una gabbia permanente. Ma è troppo tardi per cambiarlo».

Ultimo aggiornamento: 16:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA