Ibra nel bene e nel male. Rebic ancora lontano dalla migliore condizione, francobollo Tomori

Martedì 26 Gennaio 2021 di Luca Uccello
Ibra nel bene e nel male. Rebic ancora lontano dalla migliore condizione, francobollo Tomori

TATARUSANU 7
Battuto su rigore e poi da una magia del giocatore più discusso di tutta la stagione nerazzurra, Eriksen. Dice sempre di no, a tutti, soprattutto a Lukaku
DALOT 5
Perisic è un campione d’Europa, lui no. Titoli a parte, Diogo non riesce a spingere e fatica a contenere.
KJAER 6
Il mal di schiena questa volta non c’entra niente. A fermare Simon è un problema muscolare alla coscia sinistra (20’ Tomori 6: un francobollo su Sanchez. Lo segue ovunque. Davvero aggressivo)
ROMAGNOLI 6
Con Lukaku c’è da sudare. 
THEO HERNANDEZ 6
Spinge come sempre, ma dietro è sempre in difficoltà.
MEITE 5
Ancora troppo timido per giocare dal primo minuto in questo Milan.
KESSIE 6
Gioca e lotta per due. Solito guerriero, sempre l’ultimo a mollare l’osso. Ma lì in mezzo serve un altro tipo di giocatore che gli dia una mano.
SAELEMAEKERS 6
È un giocatore che può dare tanto in fase offensiva. Resta in campo fino all’ultima energia, fino a quando non alza bandiera bianca (40’ st Castillejo ng)
BRAHIM DIAZ 5
Nessun colpo di genio (15’ st Rebic 4,5: è ancora lontanissimo dalla migliore condizione)
RAFAEL LEAO 5
Commette un fallo da attaccante, mentre prova a difendere il risultato. Una scivolata che costa carissimo… (40’ st Krunic ng)
IBRAHIMOVIC 5
Decimo gol nel derby di Milano, 14esimo centro in stagione, il primo in Coppa Italia, il numero 499 in carriera. Poi provoca Lukaku, lo deride. Non una bella scena. La sua partita finisce dopo 13 minuti della ripresa per un doppio giallo sacrosanto. Se il Milan è fuori è anche colpa sua
PIOLI 6
Voleva una reazione ed è arrivata, però seconda sconfitta consecutiva. Non succedeva dallo scorso campionato. Ma aspettiamo a parlare di crisi.

Ultimo aggiornamento: 27 Gennaio, 10:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA