La Roma può sognare, con i suoi difetti e con la sua voglia di stupire

Giovedì 16 Settembre 2021 di Alessandro Angeloni
La Roma può sognare, con i suoi difetti e con la sua voglia di stupire

Pellegrini trascina, la Roma segna, vince, si diverte. Cambiano gli interpreti, non la musica. Mourinho contro il Cska fa turnover, mette e riposo parzialmente sette titolarissimi e porta a casa la vittoria, la prima in Conference della fase a gironi, con cinque squilli. Doppietta di Pellegrini, in rete anche El Shaarawy, Mancini e Abraham, che firma il suo primo gol all’Olimpico. Sesta vittoria di fila per la Roma, che apre le porte ai desideri. Questa è una squadra che non può conoscere le sue possibilità, intanto può solo sognare, sul cuscino dei suoi difetti, che inevitabilmente ha. In attesa dei grandi incontri, che ci diranno davvero di che pasta sia fatta. Ma al momento, le partite che deve vincere, le vince tutte e quasi sempre senza soffrire. Fa eccezione la sfida di domenica scorsa col Sassuolo, che però ha lasciato emozioni vere nelle gente e ha consolidato un gruppo, che ora sembra una famiglia. La Roma viaggia sulle ali dell’entusiasmo e dopo due anni deprimenti, non è cosa da poco. A Mourinho la squadra non è piaciuta, fa parte del personaggio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA