Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Chinaglia day, il ricordo della Lazio: «Quel dito puntato...». I tifosi: «Ci manchi Giorgio»

Venerdì 1 Aprile 2022 di Valerio Marcangeli
Chinaglia day, il ricordo della Lazio: «Quel dito puntato...». I tifosi: «Ci manchi Giorgio»

Da un ricordo a un altro. Due giorni fa l’omaggio a Bob Lovati. Oggi quello al principale simbolo della storia della Lazio, Giorgio Chinaglia. Come dimenticare la celebre frase: «La mia fortuna è che ero diventato tifoso della mia squadra». A dieci anni dalla scomparsa dello storico Long John sono tanti i tifosi che tra social network e radio hanno voluto ricordare le gesta dell’ex attaccante, beniamino delle generazioni di un tempo, ma anche di quelle attuali. Con 120 gol conditi dal primo Scudetto della Lazio e le innumerevoli battaglie contro la Roma, Chinaglia resta un grido di vanto per il mondo biancoceleste che oggi potrà omaggiarlo nella basilica del Cristo Re, a messa, alle 17:30. Attesa anche una rappresentanza della società alla celebrazione dei 10 anni dalla scomparsa dell'ex calciatore.

La Lazio ricorda Chinaglia: «Quel dito puntato…». I tifosi: «Leggenda d’altri tempi». «Ci manchi Giorgio»

Il club capitolino stamani non ha fatto mancare il suo ricordo dell’ex bomber prima sui propri canali social: «10 anni senza Giorgio Chinaglia. Ciao Long John», poi con un comunicato ufficiale: «Quel dito puntato, quel rigore battuto contro il Foggia, quei 24 gol nel 1973/74, sono immagini che il popolo biancoceleste non dimenticherà mai. Nel cuore di tutti è sempre vivo il suo ricordo». Sicuramente saranno presenti tanti tifosi alla basilica del Cristo Re, gli stessi che nel frattempo stanno elogiando Chinaglia sia sui social che per le radio. L’account Laziali Véneto su Twitter posta un’esultanza di Long John scrivendo: «Il nostro grido di battaglia». Alessandro lo segue a ruota: «Da lassù si alza forte il nostro grido di battaglia», pubblicando una foto di Chinaglia con la fascia da capitano al braccio e il tricolore sul petto. «Icona di quella generazione, punto di riferimento delle successive. La Lazio», twitta Mattia. Tante le reazioni anche al post ufficiale del club su Instagram. «Unico Giorgione» scrive Yuri, mentre Francesco con un pizzico di malinconia dice: «Quanto ci manca». Andrea non ha dubbi: «Leggenda d’altri tempi». Massimo su Facebook si ritiene un privilegiato: «Io ho 63 anni e ho avuto la fortuna di vederlo giocare. Per me rimane un mito», mentre Emilia è ancora triste: «Giorgio ci manchi tanto» e aggiunge: «Domani Ciro deve segnare una doppietta in suo ricordo». C'è poi Orazio su Radiosei che ricorda l'importanza di tramandare le gesta dell'ex bomber: «Stamattina ho fatto vedere le immagini di Long John a mio figlio. Dovevate vedere come le guardava con attenzione». Dai più grandi ai più piccoli: la leggenda di Chinaglia non finirà mai.


© RIPRODUZIONE RISERVATA