Inter, per gli ottavi serve un miracolo. Conte: «Non voglio rimpianti»

Lunedì 30 Novembre 2020 di Salvatore Riggio

Serve un miracolo all’Inter per passagli agli ottavi di Champions. Ma Antonio Conte non vuole rimpianti nella trasferta in Germania contro il Borussia Moenchengladbach di Marco Rose. «Dovremo dare il massimo», ha detto il tecnico nerazzurro. «Hakimi? In Italia ci sono più pressioni e più aspettative».

Real Madrid. «Sono stati espressi tanti giudizi negativi per la gara con il Real Madrid. Dimenticando che al 30’ eravamo 10 contro 11 e avevamo subito un rigore dopo 4’. Sfido chiunque a essere bravi e cambiare. Come detto, sono rimasto soddisfatto dell’impegno in campo in inferiorità numerica, al tempo stesso quelle situazioni ce le siamo create noi e ci hanno penalizzato.

Partita. «La gara di domani è contro una buonissima squadra che sta facendo molto bene in Champions. Dovremo dare il massimo e uscire dal campo senza rimpianti».

Convinzione. «A inizio percorso eravamo arbitri del nostro destino, se non lo siamo più significa che siamo mancati in alcune situazioni. Detto questo, l’unico modo per cercare di restare in vita è quello di vincere domani. Sappiamo che non sarà semplice».

Occasione. «Possiamo dare seguito a un percorso iniziato in Europa dove spesso e volentieri ti trovi a giocare partite dentro o fuori, importanti. C’è l'occasione per testare una volta di più queste situazioni».

Hakimi. «Stiamo parlando di un giocatore che ha tante potenzialità, ma deve lavorate tanto soprattutto nella fase difensiva. In Italia ci sono più pressioni e aspettative rispetto che alla Bundesliga».

Ultimo aggiornamento: 14:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA