Cagliari-Genoa 2-3, Ballardini porta a casa i primi tre punti. Ma che spettacolo all'Unipol Domus Arena

Domenica 12 Settembre 2021 di Francesco Caruso
Cagliari-Genoa 2-3: Ballardini porta a casa i primi tre punti, che spettacolo all'Unipol Domus Arena

Tre punti pesanti, prima gioia stagionale per il Genoa che batte il Cagliari per 3 a 2 al termine di una partita spettacolare. Di Joao Pedro al 16' su rigore e di Ceppitelli al 56' del secondo tempo le reti dei sardi, poi la rimonta degli uomini di Davide Ballardini, firmata al 59' da Destro e al 69' e 78' da una doppietta di Fares.

 

 

Cagliari-Genoa, a Ballardini i primi tre punti

Pochi punti e tante incognite per le due squadre alla vigilia del match, a caccia entrambe della prima vittoria stagionale: Genoa fermo a zero punti, Cagliari a uno. Il mercato chiuso prima della sosta ha portato diverse novità nelle rose: Keita Balde e Maksimovic già in campo dal primo minuto, Caceres e soprattutto Fares sono partiti dalla panchina. Moduli speculari, nei liguri, privi di Badelj, in cabina di regia ha trovato spazio Rovella. Nel Cagliari, il posto di Godin nel cuore della difesa sarda è stato occupato da Ceppiteli, in attacco sfida tra le coppie Keita Balde-Joao Pedro da una parte, Destro-Pandev dall'altra.

Decisamente meglio l'intesa già trovata dal duo dei sardi che nel primo tempo hanno dato spettacolo. Tecnica e velocità per i due attaccanti, che già al sedicesimo hanno sbloccato il risultato: lo spagnolo di origini senegalesi ha conquistato il rigore, il brasiliano lo ha trasformato in gol. Il Genoa opaco nel primo tempo ha provato con i calci piazzati a trovare il pari con un Cragno sempre attento. La strigliata di Ballardini negli spogliatoi è servita ai rossoblù liguri nella ripresa, dominata. Nonostante il 2 a 0 di Ceppitelli, i genoani hanno ribaltato il risultato con tre gol in venti minuti grazie a un gran tiro di Destro e due colpi di testa di Fares tra il 68' e il 78'. 

Il Cagliari, d'altro canto, è letteralmente scomparso nella ripresa sopraffatto dalla furia agonistica in particolare di Cambiaso e Rovella, imprendibili nei secondi quarantacinque di gioco. I ragazzi di Ballardini hanno anche rischiato nel finale, ma sono stati graziati da Joao Pedro al quarto minuto di recupero, dopo che Kallon al 91' aveva sprecato il facile 4 a 2.

Tre punti meritati per il Genoa, per il Cagliari un secondo tempo inspiegabile e campanello che suona: i problemi della scorsa stagione sono riaffiorati tutti insieme. Difficile pensare a una tranquilla salvezza dopo la presentazione del secondo tempo, Semplici è già chiamato all'inversione di marcia immediata.

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA