Bruno Giordano truffato a Roma: l'ex calciatore raggirato da un falso carabiniere con la promessa di ridare la patente al figlio

Il finto militare era già stato condannato per aver millantato di poter offrire posti di lavoro in Vaticano

Lunedì 13 Maggio 2024 di Giulio Pinco Caracciolo
L’ultimo colpo del re delle truffe: raggirata la leggenda della Lazio Bruno Giordano

Da una parte un ex calciatore del Napoli che vinse lo scudetto con Maradona nel 1987, dall’altra un tifoso sfegatato degli azzurri che si finge carabiniere.

Al centro un problema da risolvere. Inizia così la vicenda che ha portato a processo davanti al Tribunale monocratico di Roma, con l’accusa di contraffazione, il “re dei raggiri” Carmine Cascio. Il 36enne napoletano ha già precedenti per truffa, estorsione e anche per maltrattamenti nei confronti della sua ex compagna, un’agente di polizia.

Truffa a Roma, finto carabiniere e finto avvocato rapinano coppia anziana in casa: maxi furto da 100mila euro

LA VICENDA

Ma andiamo con ordine. Siamo a maggio del 2017 quando dopo una cena in compagnia di Bruno Giordano, ex attaccante della Lazio e del Napoli degli anni ‘70-‘80, e della sua consorte, l’imputato si offre spontaneamente di risolvere un problema che da qualche settimana tedia l’amico ex calciatore: al figlio hanno ritirato la patente per un anno per guida in stato d’ebbrezza. «Mi lamentavo con qualche conoscente di famiglia, tra cui anche Cascio, di dover accompagnare il ragazzo in tutti i suoi spostamenti - dichiara Susanna Bartoli, moglie di Giordano, nel verbale dei militari della stazione di Ponte Milvio - e lui si è presentato a me dicendo di essere un maresciallo dell’Arma e di prestare servizio a Roma in un reparto speciale». L’imputato dice di essere in grado di aggirare l’iter previsto per la restituzione del documento di guida fornendo un permesso di circolazione provvisorio speciale grazie a qualche favore e al suo ruolo all’interno dell’Arma. «Mi disse - continua la Bartoli - che per lui sarebbe stato semplice risolvere la cosa e mi chiese una fototessera di mio figlio». Poche settimane ed ecco che «a casa di Giuseppe Bruscolotti (anche lui ex giocatore nel Napoli, ndr) davanti a tutti Cascio mi ha consegnato il permesso provvisorio», spiega la moglie di Giordano. E così in pochi giorni ecco che il figlio dell’ex calciatore e dirigente sportivo si rimette di nuovo tranquillo alla guida fino a quando, dopo un nuovo controllo, non si scopre che il certificato è falso e stavolta la patente non la rivedrà per altri due anni. Ma ormai il vaso di Pandora è scoperchiato e i militari vogliono vederci chiaro e così viene fuori che l’imputato da anni si spaccia per carabiniere - con tanto di documenti e divisa falsi - e gira tra Roma e Napoli facendo favori di vario genere, ovviamente previo compenso economico. Dopo la denuncia e le indagini, viene quindi citato direttamente in giudizio. A sostenere l’accusa il pm Loredana Carrillo.

 

I PRECEDENTI

La lista di precedenti per Carmine Cascio è lunga. A febbraio scorso è stato condannato dal tribunale di Napoli Nord a 11 anni per truffa ed estorsione aggravata per aver promesso un posto di lavoro nello Stato Pontificio pretendendo denaro e preziosi da una 51enne di Frignano, nel Casertano. In quell’occasione l’imputato era riuscito a farsi consegnare dalla vittima quasi 20mila euro nel giro di due anni, per poi passare alle minacce di morte per lei e il figlio allo scopo di continuare a farsi pagare. Pochi mesi prima, a settembre scorso, il 36enne (figlio di un ex poliziotto) era stato arrestato dai carabinieri di Ciampino con l’accusa di aver minacciato, estorto denaro e maltrattato l’ex compagna, un’agente di polizia in servizio a Napoli.

Ultimo aggiornamento: 14 Maggio, 08:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci