Roland Garros, delusione Berrettini: l'Italia non riesce a calare il poker

Sabato 3 Ottobre 2020 di Guido Frasca

Dopo l’esaltazione con tre italiani agli ottavi del Roland Garros, Jannik Sinner e Lorenzo Sonego nel tabellone maschile, Martina Trevisan nel femminile, si attendeva il poker. Inattesa, invece, è arrivata la doccia gelata dell’eliminazione al terzo turno di Matteo Berrettini. Non è certo la prima volta che il ranking contraddice quanto accade in campo. Purtroppo questa volta è toccato al 24enne romano, sconfitto a sorpresa in tre set da Daniel Altmaier, partito dalle qualificazioni: 6-2 7-6 (5) 6-4 per il 22enne tedesco. Il mondo alla rovescia. Sì, perché guardando il match era difficile credere che tra i due giocatori il n.8 del mondo fosse l’azzurro, con l’avversario addirittura n.186 Atp e che fino a pochi mesi fa girovagava nei future. Berrettini ha pagato a caro prezzo una giornata stortissima: si tratta di uno scivolone duro da digerire. Una partita nella quale non è riuscito a trovare il comando degli scambi e non ha mai dato la sensazione di trovarsi a suo agio. Mai un sussulto, è sembrato rassegnato. Una delle sue qualità è quella di restare sempre aggrappato al match, cogliendo poi le occasioni propizie. Contro Altmaier non è riuscito a far girare l’inerzia della sfida né nel secondo set, quando pur giocando male è arrivato a servire sul 5-4, né nell’ultimo game del terzo, quando il tedesco ha fallito un paio di colpi per la naturale tensione e gli ha dato la chance di rispondere a qualche seconda. Berrettini ha avuto un’ultimissima chance sul 4-5 30-30, ma l’ennesima risposta fuori misura di rovescio ha scritto i titoli di coda su una giornata da incubo. I numeri sono impietosi: un break concesso da Altmaier, contro i 4 ottenuti. Matteo ha sfruttato solamente una palla break su 7. Una delle prestazioni più sottotono della sua stagione.

ANCORA TANTO AZZURRO

Oggi tornano in campo i tre italiani in corsa negli ottavi, tutti mai così avanti in uno Slam. Sinner sfida Alexander Zverev, sesta testa di serie, che negli ultimi due anni sulla terra rossa parigina ha sempre raggiunto i quarti. Il 19enne altoatesino è il sesto tennista più giovane ad entrare nei primi 16 al Roland Garros e ovviamente è il tennista italiano più giovane. Prima di lui in classifica ci sono solo Safin, Federer, Nadal, Djokovic e Robredo. Contro il tedesco non avrà nulla da perdere, al contrario del rivale, finalista agli US Open: sarà molto importante quindi l’avvio del match. Dovesse partire bene, la pressione su Zverev aumenterebbe. Sonego si giocherà un posto nei quarti con l’argentino Diego Schwartzman, n.12 del seeding. Sarà fondamentale per il 25enne torinese servire con efficacia come ha fatto nei turni precedenti, in particolare contro lo statunitense Fritz, per fare breccia nella solidità di Schwartzman, recente finalista al Foro Italico. E poi c’è la favola della Trevisan, 26enne fiorentina volata a ridosso della top 100. Contro di lei ci sarà l’olandese Kiki Bertens, testa di serie n.5.

 

Ultimo aggiornamento: 16:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA