Roland Garros, Djokovic batte in rimonta Tsitsipas 3-2 a Parigi e vince il 19° torneo degli Slam

Domenica 13 Giugno 2021
Roland Garros, Djokovic batte in rimonta Tsitsipas 3-2 a Parigi e vince il 19° torneo degli Slam

Novak Djokovic è re a Parigi. Il serbo, in rimonta, supera Stefanos Tsitsipas dopo una maratona di oltre quattro ore e iscrive per la seconda volta il suo nome al Roland Garros (dopo la vittoria del 2016). Di fronte il numero 1 al mondo, 34 anni sulle spalle, contro il next gen Tsitsipas, 22 anni, alla prima finale di un torneo del grande slam, che esce sì sconfitto, ma da campione. «Questo è un sogno che si realizza - le parole del serbo alla fine del match - ho rimontato 2 set oggi dopo essere stato tante ore in campo contro due campioni. Ringrazio tutti quelli che mi hanno supportato in questa mia seconda vittoria al Roland Garros».

 

 

 

PROVA DI FORZA - Djokovic, dopo la maratona in semifinale contro Nadal (e quelle con Musetti e Berrettini prima), dà un'altra prova di forza e conquista il 19/o slam della sua carriera (Federer e Nadal sono fermi a quota 20) e diventa il terzo giocatore nella storia dopo Roy Emerson e Rod Laver, primo nell'era Open, a vincere tutti i major almeno due volte. Il serbo ha battuto 6-7(6) 2-6 6-3 6-2 6-4 Stefanos Tsitsipas, che domani salirà al numero 4 del mondo. È la sesta volta nella storia di uno Slam che un giocatore porta a casa il titolo dopo aver perso i primi due set. Divenuto l'unico giocatore ad aver battuto due volte Nadal al Roland Garros, Djokovic ha quasi rivissuto la disavventura del 2015, quando dopo aver eliminato lo spagnolo, poi nei quarti di finale, è stato sorpreso in finale dallo svizzero Stan Wawrinka. Il greco parte meglio. Per due set, dà l'impressione di poter vincere.

 

LA PARTITA - Dopo un primo set equilibrato e perso al tie-break, il serbo sembrava aver mollato nel secondo, anche fisicamente. Ma mai dare per vinto Djokovic: dal terzo parziale in poi non c'è stata storia: il serbo è diventato ingiocabile al servizio (17 punti persi in tre set), trovando profondità, righe, difesa e colpi da maestro. Calano gli errori di Djokovic, quattro in tutto il terzo set, mentre salgono le percentuali al servizio. Il serbo dimostra ancora una volta che nella gestione delle energie non ha rivali. Tsitsipas ha provato a opporre resistenza, ma si è piegato nella sua prima finale Slam. Sconfitto ma comunque soddisfatto il 22enne greco: «Ô stata una grande battaglia - le sue parole - ho fatto del mio meglio, sono felice per quanto ho dimostrato ma diamo merito a Djokovic per quello che ha fatto in questi anni. Spero un giorno di fare la metà di quanto ha fatto lui nel tennis».

Ultimo aggiornamento: 20:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA