Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Quadarella, l'oro più bello nella sua Roma: regina degli 800 stile

Venerdì 12 Agosto 2022 di Giacomo Rossetti
Quadarella, l'oro più bello nella sua Roma: regina degli 800 stile

Con un caro amico si può litigare, ma poi si fa la pace: è cosi anche per Simona Quadarella, che dopo un anno complicato negli 800 metri stile libero, fa la pace con la distanza che tante soddisfazioni le ha dato e vince il suo terzo oro europeo consecutivo nella cornice più bella, la sua Roma. L'azzurra trionfa al Foro Italico nuotando in 8:20.54, seguita dalla tedesca Marie Isabel Gose (argento in 8:22.01) e dalla turca Merve Tuncel (medaglia di bronzo, tempo di 8:24.33). 

«Ho rotto il ghiaccio, adesso mi mancano i 1500 e i 400 metri – esordisce lei dopo aver cantato l’inno di Mameli, visibilmente sollevata – Mi sarebbe piaciuto scendere sotto 8:20 ma va bene così, soprattutto in questo periodo. Sono stata costante in tutti i passaggi ed era ciò che mi ero imposta». Gli spalti del Foro erano letteralmente infuocati durante la performance della ragazza di Ottavia, tanto che Simona ammette che il pubblico «mi ha trascinata fin dalla prima bracciata, ascoltarlo è stato emozionante».

Complicato è stato invece reggere la pressione: «Avevo detto che non ce l'avevo, ma prima della gara è stato difficile gestirla – confessa la classe 1998 - Ma mi ha dato comunque una carica in più, e sono contenta». Quattro anni fa, a Glasgow, la romana conquistava il suo primo alloro europeo; oggi Simona è una nuotatrice nel suo apice di forma, quello che gli inglesi chiamano il 'prime' di carriera. «La cosa più difficile secondo me è riconfermarsi - spiega - Alla mia stagione non so ancora che voto dare, ci penserò alla fine. Al pubblico invece? Dò dieci, anzi dieci e mezzo (ride, ndr)». La certezza è che adesso si nuota col cuore più leggero, con un augurio: «Spero che d'ora in poi sarà sempre più facile».

Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 16:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA