Calciatrice del Psg aggredita a sprangate da uomini mascherati: compagna di squadra arrestata come mandante

La notizia del fermo è stata confermata dalla squadra con una nota

Mercoledì 10 Novembre 2021
Psg, fa picchiare la compagna di squadra e di Nazionale: Aminata Diallo finisce in custodia cautelare

Paris Saint-Germain-Real Madrid, martedì sera, rincorsa alla Champions League per le due squadre, a punteggio pieno nel girone. Kheira Hamraoui non c'è, per motivi personali a quanto pare. La centrocampista trentunenne, appena tornata dal Barcellona e quindi fresca di vittoria della coppa dalla grandi orecchie, una delle migliori tra le fila delle parigine, viene sostituita da Aminato Diallo, ventiseienne e sua compagna di squadra pure nella Nazionale francese. Niente di strano fino a qua, anche perché il Psg schiaccia nettamente le dirette concorrenti per 4-0 e, soprattutto, nonostante la prestazione opaca della Diallo, voto in pagella 5 secondo i media francesi.

 

Sebastiano Bianchi, scomparso il giocatore del Legnano Basket: ricerche nel Lago Maggiore

 

Kheira Hamraoui, la calciatrice aggredita 

Eppure c'è qualcosa che stona, e si viene a sapere il giorno dopo: giovedì della scorsa settimana, mentre la centrocampista torna a casa da una cena organizzata dalla squadra assieme a tre sue compagne, tra cui Diallo, viene fermata da diversi uomini mascherati, trascinata fuori dalla macchina e colpita a più riprese alle gambe con delle spranghe.

 

 

 

E di nuovo: che c'entra Diallo? La ventiseienne, sempre mercoledì, finisce sotto interrogatorio della polizia per l'aggressione. Il punto è che il motivo non è tanto il fatto che sia presente al momento, ma il suo ruolo da protagonista nella vicenda. Le due, infatti, sono rivali sia in squadra, sia in Nazionale e probabilmente alla più giovane non va giù di essere messa in secondo piano, e quindi potrebbe essere lei la mandante.

 

La vicenda

La polizia, infatti, sottolinea come a Diallo non sia stato fatto nulla, mentre - rivelano dall'Equipe - a Hamraoui sono stati posti diversi punti di sutura sia agli arti inferiori sia alle mani nell’ospedale più vicino al luogo dell’aggressione. Un «infortunio» che ha causato sì la sua assenza contro il Real Madrid, ma che non le impedirà di tornare a rispondere alle chiamate in Nazionale da fine mese (qualificazioni Mondiali 2023) dopo due anni e mezzo di assenza.

La notizia dell’arresto è stata confermata dalla squadra con una nota: «Il Paris Saint-Germain può confermare che Aminata Diallo è sotto custodia di polizia presso il servizio regionale di Versailles in seguito all’attacco a una delle giocatrici del club avvenuto giovedì scorso. Il Psg condanna in modo assoluto la violenza. Da giovedì sono state prese tutte le misure per garantire la salute, il benessere e la sicurezza dell’intera squadra femminile». 

Ultimo aggiornamento: 11 Novembre, 12:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA