Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nuoto, Europei di Roma: Razzetti è un razzo, oro nei 400 misti. Bronzo per il vicentino Pier Andrea Matteazzi

E l’Italia ha festeggiato pure il bronzo

Giovedì 11 Agosto 2022 di Giacomo Rossetti
Nuoto, Europei di Roma: Razzetti è un razzo, oro nei 400 misti

Lo chiamano 'l'uomo delle quattro specialità' perché riesce a brillare nella rana come nel dorso, a stile libero come a farfalla. Alberto Razzetti, neocampione europeo nei 400 metri misti, ha sempre fatto della duttilità il suo punto di forza, e nella piscina del Foro Italico oggi ha realizzato un capolavoro: la medaglia d’oro che il ligure si è messo al collo superando l’ungherese David Verraszto (tempo di 4:10.60 contro 4:12.58) è stata un mix di potenza ma anche di strategia e gestione delle forze. E l’Italia ha festeggiato pure il bronzo: infatti il vicentino Pier Andrea Matteazzi prosegue la sua estate di successi (ha vinto proprio i 400 misti ai Giochi del Mediterraneo di Orano) piazzandosi terzo (4:13.29) tra il compagno di Nazionale e l’atleta magiaro.

Europei di Roma, Martina Caramignoli centra la finale negli 800 e sogna la medaglia

Roma nel destino

Razzetti aveva già fatto vedere al mondo di cosa era capace quando ai campionati iridati in vasca corta ad Abu Dhabi si era preso due ori in mezz'ora. Il classe 1999 si era detto ‘gasatissimo’ per la possibilità di disputare in casa gli Europei, perché il tifo romano sarebbe stata una marcia in più. Ma tanto il supporto di casa ha aiutato Alberto, quanto lui stesso ha regalato al pubblico sugli spalti del foro un momento di pura magia sotto il caldo di agosto. Vuol dire che Roma, dove il ragazzo conquistò nel 2020 al Settecolli il record italiano nei 200 misti, è e sarà per sempre indissolubilmente legata alla sua carriera. Fondamentale anche, per la crescita esponenziale di Razzetti, è stata la figura di coach Stefano Franceschi, il tecnico della Livorno Aquatics che ha plasmato Razzetti da quanto è andato ad allenarsi in Toscana. Da oggi i 400 misti, la prova da molti considerata più difficile, in Europa hanno un nuovo re.

Ultimo aggiornamento: 19:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci