Milano-Cortina 2026, all'Arena di Verona la cerimonia d'apertura delle Paralimpiadi. Gare di sci a Bormio

Martedì 19 Ottobre 2021 di Redazione Web
Arena di Verona la cerimonia d'apertura. Gare di sci a Bormio
2

VERONA - Dopo il precedente del 1956, il Veneto per la seconda volta nella storia aprirà una Olimpiade: l'Arena di Verona farà infatti da cornice alla cerimonia d'inaugurazione dei Giochi di Milano Cortina 2026, la 25.ma Olimpiade invernale che si terrà proprio in Italia. Questo è stato deciso oggi, 19 ottobre, dal consiglio d'amministrazione del Comitato organizzatore, presieduto dal presidente del Coni, Giovanni Malagò e alla presenza degli stakeholder e del Ceo, Vincenzo Novari. Ma non è l'unica novità per i giochi a cinque cerchi, che vedranno le competizioni di sci alpinismo a Bormio e le gare di Para Cross country e di Para Biathlon nel cluster della Val di Fiemme, già impiegato dagli atleti olimpici.

Pechino 2022, la Fisi presenta la stagione degli sport invernali

 

​Milano-Cortina 2026, all'Arena di Verona la cerimonia d'apertura. Gare di sci a Bormio

Tre decisioni che «per importanza e rilevanza, segneranno un passaggio fondamentale della Road to the Games verso il 2026»,  dice il comitato organizzatore. La cerimonia di apertura, inizialmente prevista «presso il PalaItalia Santa Giulia a Milano, si celebrerà nella splendida cornice dell'Arena di Verona che sarà già la sede della cerimonia di chiusura dei Giochi olimpici». Dove si finisce, si inizia pure in linea con la sostenibilità economica, permettendo «una sensibile ottimizzazione delle strutture e un conseguente contenimento dei costi».

La sede scelta per le gare di Para Cross Country e di Para Biathlon (inizialmente previste in Valdidentro) «è un passaggio formale che, oltre a confermare la comunione di intenti e di strategie tra la Fondazione Milano Cortina 2026, Comitato paralimpico internazionale e Comitato italiano paralimpico, rafforza il principio di inclusione che sta al centro del messaggio paralimpico e ottimizza ulteriormente alcune voci di spesa».

La scelta di Bormio, in Alta Valtellina, per le gare di scialpinismo rispetta le «indicazioni del Comitato Internazionale Olimpico circa la necessità di ospitare la nuova disciplina in uno dei siti olimpici già previsti dal dossier di candidatura». «Ci tengo - ha commentato Giovanni Malagò, presidente anche della Fondazione Milano Cortina 2026 - a esprimere un ringraziamento personale a tutte le Istituzioni rappresentate in Cda, dalle Regioni, ai Comuni fino alle Provincie autonome, perché le scelte di Bormio, di Verona e della Val di Fiemme sono la dimostrazione della nostra capacità di operare in sinergia con gli altri per la realizzazione dei Giochi del 2026. I giochi di tutti gli italiani».

Ultimo aggiornamento: 18:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA