Ciccone punterà alla classifica generale del Giro d'Italia: "Zoncolan crocevia fondamentale"

Martedì 18 Maggio 2021 di Carlo Gugliotta
Ciccone punterà alla classifica generale del Giro d'Italia: "Zoncolan crocevia fondamentale"

Al Giro d'Italia è giorno di riposo e di tamponi. Solo nella giornata di domani si avranno le risposte ai test ai quali si è dovuta sottoporre l'intera carovana, ma la notizia buona è che pochi giorni fa tutti si sono sottoposti al test antigenico, e nessuna persona al seguito della corsa è risultata positiva al Covid-19.

Mentre si attende con ansia la giornata di domani, in quanto ci sarà la wine stage da Perugia a Montalcino, tappa che prevede ben 25 km su strada sterrata, le attenzioni sono rivolte tutte sui due grandi sfidanti per la maglia rosa finale di Milano, Egan Bernal e Remco Evenepoel. I due giovani corridori hanno preso parte alla corsa rosa dopo aver superato entrambi diversi problemi fisici: il colombiano attuale maglia rosa dopo le prime 10 tappe, è reduce dalla vittoria del Tour de France 2019 e dal 2020 caratterizzato dai problemi alla schiena, che non gli hanno permesso di brillare nei risultati come l'anno precedente.

Giro d'Italia, la caduta Mohoric: ecco il casco dopo il terribile impatto

Remco Evenepoel sta invece affrontando il primo grande giro della propria carriera, e in questo 2021 è alla prima gara stagionale, in quanto il 15 agosto 2020 è caduto in un fossato nel corso de Il Lombardia. Una caduta che non gli ha permesso di gareggiare per lunghissimi mesi, e il Giro è stata la scommessa del corridore e di tutta la squadra.

La bici si impunta in discesa, salto mortale di Mohoric al Giro d'Italia

Le speranze italiane per la classifica generale sono invece affidate a Giulio Ciccone. Il corridore abruzzese, secondo domenica a Campo Felice, era partito per la corsa rosa senza l'obiettivo di fare classifica, ma ora le cose sono cambiate.

"A livello di sensazioni, la tappa di Campo Felice mi ha dato una nuova consapevolezza, quindi posso ritenermi soddisfatto sulla mia conizione fisica. In questo Giro d'Italia ero partito con l'idea di andare in fuga e divertirmi, ma adesso che sono quarto in classifica generale ho capito che devo puntare alla maglia rosa, affrontando quindi diversamente la corsa".

Giro d'Italia: a Cattolica vince Ewan, Landa finisce contro uno spartitraffico

Il momento chiave di Ciccone sarà "la tappa dello Zoncolan. Solo lì riuscirò a capire quale direzione potrà prendere il mio Giro. La tappa di domani, invece, sarà molto difficile, servono gambe e fortuna. E' una di quelle tappe che ti possono dare tanto, ma anche togliere tutto quello che hai fatto fino ad oggi".

 

Ultimo aggiornamento: 18:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA