Doping, Schwazer non si arrende: «Non ho perso la fiducia e mi alleno»

Mercoledì 11 Dicembre 2019
«Sì la speranza di andare a Tokyo c'è. Ô solo stata rigettata dal tribunale di Losanna la richiesta di sospensiva urgente, non quella ordinaria, quindi andiamo avanti per la nostra strada molto fiduciosi. Si faranno altri esami a livello giudiziario che potremmo poi inserire nel procedimento in Svizzera. Non ho perso per niente la fiducia, anzi. Io mi alleno. Mi sono allenato questa mattina, ci credo ma non è una ossessione, non lo è mai stata. Sono squalificato fino al 2024 quindi ci proviamo, quello che per me è la cosa più importante è uscire innocente dal procedimento giudiziario qui a Bolzano. Poi io continuerò ad allenarmi, farò dei test con il mio allenatore e cercheremo di fare il meglio possibile nella richiesta a Losanna». Lo ha detto il marciatore altoatesino Alex Schwazer in tribunale a Bolzano per l'incidente probatorio con cui il giudice intende verificare la disponibilità di Wada e Iaaf a fornire 50 campioni anonimi di urina di atleti risultati positivi al testosterone per verificare se l'assunzione della sostanza possa causare una elevata e poco comune concentrazione di Dna nel campione stesso, come avvenuto nella provetta che ha portato alla squalifica di Schwazer. Ultimo aggiornamento: 17:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA