Djokovic agli Australian Open, D'Amato: «É un pessimo esempio». Per Zingaretti, il permesso è «uno schifo»

Il permesso speciale concesso al tennista non vaccinato fa infuriare il web e la politica

Martedì 4 Gennaio 2022
Djokovic agli Australian Open, D'Amato: «É un pessimo esempio». Per Zingaretti, il permesso è «uno schifo»
3

Si può essere grandi atleti e contemporaneamente «pessimi esempi nel contrasto alla pandemia»: proprio di questo infatti è accusato il tennista Novak Djokovic, che nelle ultime ore ha acceso le polemiche a causa della sua futura partecipazione agli Australian Open di tennis. La sua presenza fa discutere perché il tennista numero uno al mondo si è sempre dichiarato scettico nel confronto dei vaccini anticovid, ma nonostante ciò è riuscito ad ottenere un'esenzione speciale, che gli permetterà di partecipare allo Slam di Melbourne in deroga alle regole per la vaccinazione.

Djokovic agli Australian Open con un'esenzione. Bufera social: «Le regole non valgono per tutti»

La reazione di D'amato

Ad annunciarlo è lui stesso, con un post su Instagram che non ha tardato a scatenare l'indignazione. Immediate le reazioni dell'Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, che in una nota ha commentato: «Il tennista Novak Djokovic è sicuramente un grande atleta, ma anche un pessimo esempio nel contrasto alla pandemia. Pur di non vaccinarsi e grazie alla ricchezza e la notorietà si inventano pseudo esenzioni». Aggiunge D'Amato: « Djokovic è un cattivo maestro e come al solito a pagarne le conseguenze saranno i più deboli e i meno istruiti. La vaccinazione rappresenta uno degli strumenti più importanti nel ridurre le diseguaglianze socioeconomiche nell'incidenza e negli esiti post infezione».

Djokovic va agli Australian Open: concessa esenzione medica dal vaccino

Il commento di Zingaretti

Gli fa eco il Presidnte della Regione Lazio, Nicola Zingaretti: «La deroga agli Australian Open per Djokovic è uno schifo. Un pessimo esempio di privilegio e uno schiaffo in faccia a chi lotta contro il Covid».

Djokovic, Australian Open a rischio: «Non chiedetemi se sono No vax»

Piovono critiche anche dall'Australia

La vaccinazione per gli atleti partecipanti allo Slam era stata resa obbligatoria dall'organizzazione degli Australian Open alcuni mesi fa. Anche Dan Andrews, il premier dello stato di Victoria, si era espresso in maniera contraria a qualsiasi deroga alle regole per la vaccinazione, affermando: «Al virus non importa quale sia la tua classifica tennistica, o quanti Slam hai vinto in carriera». Invece, oggi Djokovic ha annunciato la sua partenza verso l'Australia.

 

 

Ultimo aggiornamento: 19:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA