Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sanremo 2022, Mirna Casadei contro Amadeus: «Mancato tributo a papà, avete pestato una c...»

La figlia di Raoul Casadei, re del liscio romagnolo e autore di Romagna Mia si è sfogata in un post su Facebook

Lunedì 7 Febbraio 2022
Sanremo 2022 Mirna Casadei contro Amadeus per il mancato tributo a suo padre: Avete pestato una cacca

«Non avrei voluto fare polemica, perché non amo le polemiche..» inizia così il lungo post con cui Mirna Casadei attacca direttamente Amadeus e il Festival di Sanremo 2022 per non aver dedicato un omaggio a suo padre, Raoul Casadei, il "re del liscio" romagnolo,  autore di "Romagna mia", scomparso lo scorso anno a causa del Covid. «Ho seguito tutte le serate di Sanremo, come faccio ogni anno, ma quest’anno aspettavo di sentire il suo nome, non dico una cover, non chiedo tanto, sarebbe bastato anche solo un applauso, un omaggio, una parola. Ad ogni puntata ero sempre più delusa, incredula e triste» scrive la donna nel post pubblicato domenica 6, il giorno dopo la conclusione della kermesse musicale. 

Raoul Casadei con "Romagna mia" era un'icona della musica italiana

Raoul Casadei si è spento quest'estate a 83 anni dopo aver contratto il Covid. Entrato nella storia con l'inno "Romagna Mia" -scritta dallo zio - è celebre per aver trasformato il folklore romagnolo in un genere riconosciuto e apprezzato in tutta Italia, costruendo una carriera all'insegna dell'allegria, della solarità e della genuinità della sua terra.

«Raoul è stato e sarà sempre un artista e un uomo amatissimo dalla gente, da tutta l’Italia, dagli italiani di tutte le regioni, delle città e dei più piccoli paesini, di tutti i ceti sociali, dagli italiani emigrati all’estero, dagli addetti lavori, dalla stampa, da tutti. Al di là dei gusti musicali. È una questione umana e culturale» scrive la figlia Mirna, sostenuta anche da qualche centinaio di commenti. 

Mahmood e Blanco a Domenica In, la prima emozionante esibizione tv dopo la vittoria

Sanremo, ascolti, giovani e social: il miracolo di Amadeus

Le parole di Mirna: «Avete offeso gli italiani»

Il festival quest'anno ha battuto il record di ascolti e ha visto salire sul podio Mahmood e Blanco con la loro "Brividi". Nel corso delle serate, oltre alla musica e allo spettacolo ci sono stati degli spazi speciali al ricordo di Raffaella Carrà e Lucio Dalla. É mancato però il riconoscimento a Raoul Casadei, come ha sottolineato la figlia Mirna che conclude il post rivolgendosi direttamente ad Amadeus «Mi dispiace Festival di Sanremo e Amadeus, ma stavolta avete pestato una cacca, che non ha deluso solo me e probabilmente la mia famiglia, ma ha offeso gli italiani, legati alla loro terra, alle loro radici e alle tradizioni».

Blanco come i Maneskin? I “Brividi” di Sanremo volano all’Eurovision, nessun decollo per Rkomi

Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio, 12:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA