Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Eurovision, Mahmood-Blanco e Achille Lauro: a Torino una sfida tutta italiana

A presentare l'edizione 2022 saranno Alessandro Cattelan, Laura Pausini e Mika

Sabato 12 Febbraio 2022
Blanco e Mahmood vincitori di Sanremo 2022

Potrebbe essere una lotta all’ultimo voto tra Mahmood-Blanco e Achille Lauro alla prossima edizione dell’Eurovision Song Contest, in programma a Torino dal 10 al 14 maggio: ai freschi vincitori con Brividi del festival di Sanremo, quindi di diritto rappresentanti dell’Italia alla competizione internazionale (è il bis per Mahmood dopo Soldi, secondo classificato nel 2019 in Israele), si potrebbe affiancare proprio Lauro, che all’Ariston si è piazzato solo 14mo con la sua Domenica, accompagnato dall’Harlem Gospel Choir, e che ora gareggia con la "maglia" del Titano per cercare di raggiungere - con molte probabilità di successo - la meta torinese. La rampa di lancio è la finale di Una Voce per San Marino, il talent organizzato da San Marino Rtv, l’emittente di Stato, Media Evolution e Segreteria Turismo per scegliere il rappresentante sammarinese alla competizione. Valerio Scanu, Ivana Spagna e Alberto Fortis sono tra gli altri big che parteciperanno sabato 19 febbraio alla finalissima del festival, in programma al Teatro Nuovo di Dogana, con diretta su San Marino Rtv dalle 20.30.

La serata prevede la partecipazione sia di concorrenti Emergentì sia di Big, «senza limitazioni di cittadinanza e di scelta della lingua nell’interpretazione del brano presentato per il concorso», in pratica un modo per aprire i confini a tutti i cantanti, italiani e internazionali. Indiscrezioni degli ultimi giorni indicavano la presenza di «un big a sorpresa» e l’attenzione si era puntata sul duo La Rappresentante di Lista, che aveva fatto sapere con una battuta sui social di voler arrivare all’Eurovision anche tramite San Marino o il Vaticano, ma dall’elenco diffuso dagli organizzatori è comparso a sorpresa Achille Lauro.

Gli altri big in gara - che si confronteranno con i vincitori delle semifinali del talent show - sono Cristina Ramos, vincitrice di Got Talent Espanà nel 2016; l’ex tronista Francesco Monte, che partecipa dopo l’esclusione da Sanremo Giovani lo scorso anno; il romagnolo Alessandro Coli con il dj e producer turco naturalizzato olandese Burak Yater; Blind, rapper lanciato da X Factor 2020’; Matteo Faustini, che ha partecipato al festival tra le nuove proposte nel 2020; il batterista della storica Formula 3, Tony Cicco con Fortis e la band romana Deshedus; la "wild card" Fabry & Labiuse feat. I Miodio, primi portacolori del Titano all’Eurovision nel 2008. La serata sarà condotta da Senhit, artista italo-eritrea che ha rappresentato San Marino nel 2021, l’edizione che ha visto il trionfo dei Maneskin, e dal presentatore israeliano Jonathan Kashanian, volto noto della tv gossip. A votare saranno professionisti del settore che verranno annunciati alla vigilia, così come una giuria ad hoc sarà istituita per valutare il brano più radiofonico. 

Fresca la notizia che il cantante israeliano Michael Ben David rappresenterà il proprio Paese all’Eurovision Song Contest. Ben David è stato scelto nella serata finale di X Factor in una rosa di 3 concorrenti che avevano sbaragliato tutti i precendenti avversari. Ben David salirà sul palco che vedrà la presenza di Mahmood e Blanco freschi vincitori di Sanremo 2022. Proprio Mahmood, prima della finale di X Factor israeliana di ieri sera aveva inviato su Facebook un augurio ai 3 concorrenti finali. «Auguro a voi tutti buona fortuna. Capisco - aveva detto - come vi sentiate stasera. In bocca al lupo e spero di vedervi presto». Mahmood è molto popolare in Israele dopo la sua partecipazione all’edizione dell’Eurosong Contest del 2019 a Tel Aviv. La sua Soldi arrivò seconda in classifica ma con un successo eclatante tra gli israeliani. Ben David è nato nel 1995 ad Ashkelon, cittadina sul mare nel sud di Israele, da una famiglia di origini russa-ucraina e georgiana. Nella votazione ha prevalso di un solo punto sui suoi sfidanti. A Torino canterà una canzone composta appositamente per l’Eurosong.

Sempre di ieri la notizia che il governo contribuirà all’organizzazione di Eurovision Song Contest, con uno stanziamento di un milione e mezzo di euro. Lo ha annunciato il sindaco del capoluogo piemontese, Stefano Lo Russo, precisando che le risorse verranno utilizzate per copertura delle spese di promozione e di tutti  gli eventi connessi. «Ieri mi ha chiamato il ministro Garavaglia per annunciarmi la decisione presa anche a seguito dell’iniziativa condotta dagli onorevoli piemontesi Gariglio e Maccanti - ha detto Lo Russo - è una decisione importante perchè vogliamo che Eurovision  diventi davvero un evento che non solo coinvolge la città ma serva anche da vetrina per le ricchezze turistico e culturali del nostro territorio».


IL FESTIVAL
L’Eurovision Song Contest 2022 si tiene in Italia dopo la vittoria entusiasmante dei Maneskin a maggio 2021. E così, come da regolamento, il Paese vincitore dovrà ospitare l’edizione successiva, seguendo una serie di regole e dettagli per la città che accoglierà l’Europa in gara. Mancano ancora mesi per lo svolgimento della kermesse musicale nel nostro Paese ma non c’è tempo da perdere e la macchina organizzativa è già in moto per permettere al nostro Paese di brillare, in quelle settimane dove avremo gli occhi puntati di mezzo mondo. 
L’ipotesi conduzione è ancora avvolta nel mistero. Lo show non prevede un solo conduttore ma una conduzione corale. E a presentare l'Eurovision Son Contest 2022 saranno Alessandro Cattelan, Laura Pausini e Mika.

© RIPRODUZIONE RISERVATA