In corpore sano, ecco il significato della performance di Konstrakta

La canzone della cantante serba è uno dei tormentoni di questa edizione, scopriamo il significato del testo e dell'esibizione

Sabato 14 Maggio 2022 di Ilaria Ravarino
In corpore sano, ecco il significato della performance di Konstrakta

In corpore sano della serba Konstrakta, stasera in finale all’Eurovision 2022, è uno dei tormentoni di questa edizione. Ispirata nel titolo a un passaggio delle Satire di Giovenale, e cantata in serbo e in latino, ha un significato oscuro che i fan, in rete, hanno provato a interpretare.

La finale: tutto è pronto. La scaletta e gli ospiti: tornano i Maneskin e (dallo spazio) collegamento con Samantha Cristoforetti

Eurovision 2022, il riferimento a Meghan Markle di Konstrakta

Citato nei primi versi, il nome della Duchessa Meghan Markle ricorre associato a una domanda: «Qual è il segreto dei capelli di Meghan Markle?». Sembra una di quelle frasi lanciate dai titoli dei magazine di moda, ma la canzone prosegue su toni più dark che pop: «I capelli e la pelle di una persona sono segnali rivelatori/ un’ombra intorno alle labbra può indicare una milza ingrossata / e avere una milza ingrossata non è una cosa bella». Si tratterebbe di un richiamo alla tendenza della società moderna, in cui la salute fisica e i corpi perfetti – specialmente quelli dei personaggi che popolano l’immaginario mediatico - vengono erroneamente associati alla salute mentale. Ma cosa accade, si chiede Konstrakta, se in un corpo sano albergasse una mente malata? («Una testa malata in un corpo sano/Un’anima triste in un corpo sano/Una mente disperata in un corpo sano /Un animo terrorizzato in un corpo sano/Cosa possiamo farci?»).

Le pagelle Achille Lauro (9) incendia il palco (ma viene eliminato), la Romania è solo rouches (n.c.), Mika-Pausini (si) emozionano

Il lavaggio delle mani

Il lavaggio delle mani sul palco ribadisce il messaggio: se siamo così concentrati nel prenderci cura della nostra salute fisica, cosa facciamo quando sono le nostre menti ad ammalarsi? La disinfezione ossessiva delle mani richiama una delle pratiche diventate quotidiane durante la pandemia, il cui impatto sulla salute mentale non è stato ancora pienamente valutato. Anche se siamo stati abbastanza fortunati a uscire fisicamente indenni dal Covid, cosa è successo alle nostre menti? Il tema è ancora più chiaro nel video della canzone (leggermente diverso dall’esibizione live), in cui la fronte di Konstrakta è dipinta di blu, a simboleggiare la malattia mentale.

Eurovision 2022, Achille Lauro eliminato (tra le polemiche): la sua reazione fa impazzire i fan

I simboli religiosi

Il tema della salute è declinato anche in chiave politica, quando Konstrakta – nel terzo verso – accenna al fatto che gli artisti, in Serbia, non siano coperti da assicurazione sanitaria. Se si ammalano, dunque, non gli resta che una soluzione: pregare e sperare in un miracolo. Ecco allora spiegate le croci, le mani giunte in preghiera e gli abiti che richiamano quelli delle suore. «Che dio mi dia la salute/dato che non ho un’assicurazione sanitaria/come farò prevenzione? (in nome della salute)/ chi si occuperà di me? (in nome della salute)/un artista è invisibile (sempre in nome della salute».

Achille Lauro show all'Eurovision: sale sul toro meccanico e bacia Boss Doms come a Sanremo

Biti Zdrava, il ritornello

Il ritornello, «Biti Zdrava/ Umetnica moze biti zdrava» («Sii sano/ L’artista deve essere sano») è un riferimento all’artista serba Marina Abramovic e a una sua performance del 1975, “L’arte deve essere bella, l’Artista deve essere bello”, nella quale la donna si pettinava i capelli con sempre maggior forza, trasformando una pratica “di routine” in un’azione inquietante. «Quest’idea che l’arte debba essere bella, che il quadro si debba intonare cromaticamente al colore delle pareti dei salotti – dichiarò Abramovic - mi fa orrore. Io credo che l’arte non debba essere bella, ma disturbante*. Allo stesso modo Konstrakta trasforma il gesto quotidiano di lavarsi le mani, associato all’idea di pulizia, nel suo esatto contrario: il simbolo pratico di uno stato mentale alterato, e per questo assai inquietante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA