Blue Monday, il lunedì più nero dell'anno in musica: dai Boomtown rats a Salmo

Lunedì 20 Gennaio 2020 di Claudio Fabretti
Il lunedì più nero dell'anno in musica: dai Boomtown rats a Salmo

Il giorno più odiato della settimana. Anche nelle canzoni. Il lunedì ha ispirato artisti dei generi più disparati. Scatenando, in genere, inni “negativi”. Come I Don’t Like Mondays dei Boomtown Rats.
 


Leggi anche > Blue Monday: 20 gennaio, il giorno più triste dell'anno. Gli abbracci sono l'antidoto

“I want to shoot the whole day down”, cantava Bob Geldof, l’uomo di Live Aid, alla testa della band irlandese. Un giorno da cancellare dal calendario, dunque.
 


Ne è convinto anche Vasco Rossi, che gli dedicò un’invettiva delle sue, gridando a squarciagola “Odio i lunedì”.
 

E non molto dissimile l’approccio del rapper Salmo che nella sua Lunedì canta “Questo è un altro lunedì di sabato sera/ Quindi per favore puoi lasciarmi solo”.
 

Più malinconico l’approccio dei New Order, che, dietro la muraglia di beat, Minimoog e basso galoppante di Blue Monday hanno costruito un inno alla quieta disperazione d’inizio settimana.
 

Ma c’è anche chi ha interpretato il lunedì in altra ottica, come le Bangles che con la loro celebre Manic Monday hanno celebrato il delirio frenetico del giorno più caotico della settimana.
 

Ultimo aggiornamento: 09:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci