Carl Brave star per una serata tutta di celluloide: il rapper romano alla presentazione del film “La svolta”

Giovedì 17 Marzo 2022 di Lucilla Quaglia
Carl Brave star per una serata tutta di celluloide: il rapper romano alla presentazione del film La svolta

Non si vede in giro quasi mai. Nei contesti mondani, si intende. Ma quella del rapper romano Carl Brave, al secolo Carlo Luigi Coraggio, è un’apparizione davvero da star. Camicia di raso dal sapore etnico, l’artista arriva al cinema Eden per la presentazione del film diretto da Riccardo Antonaroli, “La svolta”, di cui firma e interpreta il brano omonimo. Ad applaudire quest’opera prima ci sono in primis gli interpreti Andrea Lattanzi, Brando Pacitto, Ludovica Martino, in total black, ma anche Chabeli Sastre Gonzalez, in lungo beige su giacchino jeans, Federico Tocci, Tullio Sorrentino, Cristian Di Sante. L’opera registra l’amichevole partecipazione di Claudio Bigagli e quella, straordinaria, di Marcello Fonte.

Concerti a Roma fino al 20 febbraio, da Branduardi alle "brave ragazze" di Flo, fino alla "tammurriata rock": ecco tutte le date

Carl Brave, il rapper star per una sera all'Eden

Dopo essere stato presentato in anteprima fuori concorso alla 39esima edizione del Torino Film Festival, esce in sala tra il clamore dei presenti. Tra le poltroncine ecco anche Claudio Colica, del duo web Le Coliche, il regista Enzo Bossio e l’attore Filippo Contri. 
E parte la visione. Si accende, sul grande schermo, un racconto intimo e delicato di due solitudini che si incontrano: Ludovico (interpretato dal talentuosissimo Brando Pacitto in un ruolo insolito), che vive rintanato nel vecchio appartamento della nonna ed è troppo spaventato dalla vita per uscire fuori nel mondo e mostrare se stesso, e Jack (l’ottimo Andrea Lattanzi) che invece ostenta durezza e determinazione.

Franco 126: «Io, cantautore inquieto con il Califfo nel cuore»

La svolta, trama del film


La convivenza forzata dei due protagonisti, però, si trasforma man mano in un vero e proprio percorso d’iniziazione all’età adulta, alla scoperta dei rispettivi veri caratteri, in un’alternanza di comico e drammatico, di gioia e di dolore. E quando la realtà dura che li bracca spietata arriva a presentargli il conto, dovranno affrontarla, forti di una nuova consapevolezza e di un insperato coraggio.

 


L’alternanza dei registri è accompagnata anche da una cifra stilistica che si muove con abilità fra inquadrature statiche e composte, che ritraggono una suggestiva location come lo storico quartiere popolare di Roma Garbatella (in cui il film è interamente ambientato), e una dimensione estetica più “sporca” e mobile, in cui a soffermarsi sul volto dei due attori è una macchina a mano.
Apprezzamenti, tra il pubblico, per un film che gioca con i generi, presentandosi come una sorta di “road movie da fermo” ma è anche un omaggio al cinema di genere (e non solo). Per l’intero decorso narrativo, infatti, si colgono numerose citazioni e ispirazioni. E alla fine esplodono lunghi applausi.

Ultimo aggiornamento: 10 Ottobre, 15:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA