Turismo: Bini, malga alpina Kinderalm ha valore educativo e attrattivo

Sabato 2 Marzo 2024
Riccardi, oasi per il benessere bambini e famiglie Malborghetto - Valbruna, 2 mar - "La Regione ha ben volentieri sostenuto il progetto per questa bellissima struttura con cui il territorio della Valcanale viene dotato di un nuovo valore aggiunto per l'attrazione turistica. Non è un maneggio, non è un allevamento, non è un centro di addestramento, ma un luogo dove i bambini possono scoprire la vita delle malghe di un tempo e imparano come si fa il pane, come si cucina una polenta, come nasce un burro di montagna, come si mette a posto la legna e si accatasta il fieno: non dimenticare tutto questo ha anche un'importanza sociale e non solo turistica". Lo ha affermato l'assessore regionale alle Attività produttive Sergio Emidio Bini all'inaugurazione della malga alpina di Valbruna, alla presenza anche dell'assessore alla Salute e Politiche sociali Riccardo Riccardi, del vicepresidente del Consiglio regionale Stefano Mazzolini, del sindaco Boris Preschern e del parroco don Giuseppe Marano. La malga tematica costruita con le tradizionali caratteristiche architettoniche delle casette in legno è la riproposizione degli usi, mestieri e vita contadina nelle malghe di un tempo: da giugno per tutta l'estate si giocherà ad accatastare la legna e il fieno, a costruire attrezzi e oggetti di legno con accanto animali da fattoria, dormendo nei letti di fieno e foglie. D'inverno, nello snow park adiacente si potrà sciare nel campo scuola sci dotato di attrezzature di risalita, innevamento artificiale, servizi, bob e slittini. "È una nuova infrastruttura estiva e invernale dedicata alle famiglie. Grazie a questa iniziativa oltre ad implementare l'offerta turistica della Valcanale e del tarvisiano si offre anche un'oasi di benessere ai bambini che possono divertirsi all'aria aperta imparando i mestieri e le attività della tradizione", ha commentato Riccardi. La malga alpina è costata circa 650 mila euro (350 di fondi regionali per investimenti turistici del Comuni e per la restante parte comunali) e ha già ospitato, a titolo sperimentale, una manifestazione natalizia che ha avuto più di 12.000 presenze paganti. La parte invernale (snow) è costata circa 800 mila euro, tra innevamento artificiale, tappeti mobili di risalita, attrezzature, opere. Il costo è stato finanziato con fondi regionali per investimenti turistici nei Comuni per circa euro 400.000, con fondi di concertazione per 200.000 euro, con fondi regionali per attrezzature sportive per 50.000 euro e con 150.000 euro di fondi comunali. ARC/EP/pph
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci